PROFESSIONI – Avvocato: le soluzioni per affrontare l’informatizzazione...

RISPARMIO – Investire in un momento di forte crisi:...

6 giugno 2012 Comments (0) News

LAVORO – Salario di produttività: in Gu il limite per la detassazione

Con DPCM pubblicato sulla Gazzetta ufficiale del 30 maggio 2012 , alla luce della proroga per il periodo dal 1° gennaio al 31 dicembre 2012 delle misure sperimentali per l’incremento della produttivita del lavoro, e stato definito l’importo massimo assoggettabile all’imposta sostitutiva prevista dall’articolo 2 del decreto-legge n. 93 del 2008, nonche il limite massimo di reddito annuo oltre il quale il titolare non puo usufruire della tassazione sostitutiva.

L’art. 33, comma 12, della predetta legge n. 183 del 2011 ha prorogato per il periodo dal 1° gennaio al 31 dicembre 2012 le misure sperimentali per l’incremento della produttivita del lavoro, previste dall’articolo 2, comma 1, lettera c), del decreto- legge 27 maggio 2008, n. 93, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 luglio 2008, n. 126.

Il medesimo comma 12 del citato articolo 33 della legge n. 183 del 2011 dispone l’emanazione di un decreto del Presidente del Consiglio dei ministri, di concerto con il ministro dell’Economia e delle finanze, volto a stabilire, nel rispetto del limite di 835 milioni per il 2012 e 263 milioni per l’anno 2013, l’importo massimo assoggettabile all’imposta sostitutiva prevista dall’articolo 2 del citato decreto-legge n. 93 del 2008, nonche il limite massimo di reddito annuo oltre il quale il titolare non puo usufruire della predetta tassazione sostitutiva. Per il periodo dal 1° gennaio 2012 al 31 dicembre 2012, sono prorogate le misure sperimentali per l’incremento della produttivita del lavoro previste dall’articolo 2, comma 1, lettera c), del decreto-legge 27 maggio 2008, n. 93, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 luglio 2008, n. 126.

Tali misure trovano applicazione entro il limite di importo complessivo di 2.500 euro lordi, con esclusivo riferimento al settore privato e per i titolari di reddito di lavoro dipendente non superiore, nell’anno 2011, a 30.000 euro, al lordo delle somme assoggettate nel medesimo anno 2011 all’imposta sostitutiva di cui all’articolo 2 del citato decreto-legge n. 93 del 27 maggio 2008.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.