MADE IN ITALY – Ue: Confindustria, segnale politico importante

MOBILITA’ – Veicoli ecologici: dal 14 marzo sarà possibile...

14 febbraio 2013 Comments (0) News

IMPRESE – Raggruppamento temporaneo: la singola impresa in associazione può agire in giudizio in caso di violazione delle regole che presiedono il procedimento di aggiudicazione

La legittimazione ad agire in giudizio della singola impresa in associazione – sia essa mandante o mandataria e sia che il raggruppamento sia stato gia costituito al momento dell’offerta o debba costituirsi all’esito dell’aggiudicazione – e riconosciuta dal consolidato e pressoche univoco indirizzo della giurisprudenza amministrativa (cfr., da ultimo, Cons. Stato, sez. V, 5 giugno 2012, n. 3314; Cons. Stato, sez. VI, 8 ottobre 208, n. 4931).

Il raggruppamento temporaneo di imprese non istituzionalizza, invero, un soggetto diverso dalle singole imprese che aggregano le proprie potenzialita economiche, con capacita di rappresentanza degli interessi del gruppo a mezzo di organi all’uopo costituiti. La singola impresa e, quindi, titolare in corso di gara di una posizione di interesse legittimo al regolare svolgimento della procedura, che puo tutelare anche in caso di inerzia delle altre imprese associate a proporre congiunta impugnativa. Il gravame proposto dalla singola impresa in associazione non e, inoltre, sfornito di interesse al ricorso.

La presentazione dell’offerta da parte del raggruppamento da costituire reca l’impegno reciproco delle imprese in associazione, in caso di aggiudicazione della gara, a conferire mandato ad una di esse, qualificata come capogruppo, alla stipula il contratto. Si tratta di posizione di obbligo il cui assolvimento e esigibile nei confronti delle altre imprese associate in caso di esito favorevole dell’impugnativa e che, in caso di inadempimento, espone l’impresa cha aveva prestato il consento alla costituzione dell’a.t.i. ATI a possibili pretese risarcitorie. Tanto basta a suffragare la tesi della legittimazione della singola impresa in associazione a reagire nei confronti di della violazione di regole che presiedono il procedimento di aggiudicazione. (Consiglio di Stato, Sez. VI, sentenza 8.2.2013, n. 714)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.