CRISI – Agricoltura: Cia, pienamente d’accordo con il...

LAVORO – Cassazione: esclusa l’insubordinazione se il dipendente litiga...

24 luglio 2012 Comments (0) News

IMPRESE – Credito: Crif, domanda a +12% in giugno

La crescita della domanda di credito da parte delle imprese si e ulteriormente consolidata, proseguendo in giugno il trend registrato nell’ultimo periodo. Durante lo scorso mese, secondo il Barometro di Crif, il dato ha, infatti, segnato un rialzo del +12% tendenziale.

In particolare, analizzando il dato aggregato relativo al primo semestre dell’anno, la domanda e complessivamente cresciuta del 4,7%, in deciso miglioramento rispetto alla prima meta del 2011 quando la dinamica denunciava una contrazione pari a -0,7%.

E il dato di giugno risulta in significativo miglioramento anche nel confronto con il I semestre del 2010 con un +3,9%, mentre continua a essere in ritardo, -4,9%, rispetto al corrispondente periodo 2009, quando la crisi economica si era da poco manifestata.

Nei primi 6 mesi dell’anno c’e stato, nelle domande di credito da parte delle aziende, un marcato spostamento verso le fasce di importo piu elevate a scapito della classe fino a 5 mila euro “che pero – rileva la ricerca di Crif – ancora assorbe la quota maggiore di domande con il 35,8% del totale”. Nel dettaglio, per le ditte individuali la classe di richieste di credito fino a 5 mila euro e scesa al 39,9% del totale rispetto a un peso superiore al 51% fatto registrare nei primi sei mesi dello scorso anno.

Per le societa, invece, il decremento di questa fascia di importo e piu contenuto, pur passando dal 39,8% del 2011 al 33,1% attuale. Nel complesso l’importo medio dei finanziamenti richiesti dalle imprese italiane nel semestre appena concluso e’ stato pari a 45.171 euro a fronte dei circa 38.900 euro del pari periodo 2011

Dall’analisi geografica emerge che a chiedere maggiore credito sono state le imprese di Sardegna (+17%), Liguria, Molise e Valle d’Aosta (per tutte +16%). Mentre gli unici segni negativi hanno riguardato la domanda proveniente dalle societa di Lazio (-5%), Marche (-2%) e la Sicilia (-2%).

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.