INTERNAZIONALIZZAZIONE-Rollon: filiali in Cina e in India

RIPRESA-Sblocca Italia: tempi stretti per molte misure

1 agosto 2014 Comments (0) Dalla home page

AGRICOLTURA-Pac: Cdm approva la programmazione dei fondi Ue

Il Consiglio dei ministri n. 25 ha approvato il provvedimento per la programmazione dei fondi europei nel settore agricolo per i prossimi sette anni. Si tratta di circa 52 miliardi di euro. Lo ha annunciato il ministro Maurizio Martina in conferenza stampa a Palazzo Chigi. E stato fatto un “lavoro molto importante e condiviso – ha sottolineato il sottosegretario Graziano Delrio. Ai fondi per l’agricoltura, afferma, “vanno aggiunti gli oltre 50 miliardi di fondi europei” per la coesione.

Nel comunicato di Palazzo chigi si legge che il Consiglio dei Ministri ha approvato il documento “La nuova PAC: le scelte nazionali – Regolamento (UE) n. 1307/2013”, che consente al m inistro delle politiche agricole Maurizio Martina di comunicare all’Unione europea, entro il termine stabilito del 1 agosto, le scelte nazionali relative all’applicazione della riforma della nuova PAC fino al 2020.

La nuova Politica agricola comune 2014-2020, la norma fondamentale per il settore primario, assegna all’Italia una dotazione di 52 miliardi di euro. Circa 27 miliardi di euro sono a disposizione del nostro Paese per gli aiuti diretti del I° Pilastro (Pagamenti diretti), completamente finanziati dall’Europa. Nella seduta odierna del Consiglio dei Ministri e stata approvata anche la ripartizione delle risorse per gli aiuti accoppiati, con un budget annuo di oltre 426 milioni di euro. Queste risorse serviranno al sostegno di alcuni settori strategici come la zootecnia da carne e da latte, con oltre 210 milioni di euro all’anno, seminativi, con circa 146 milioni di euro all’anno di cui circa 95 milioni per il piano proteico e grano duro e olivicoltura, alla quale sono destinati 70 milioni di euro all’anno.

Per le misure del II° Pilastro (Sviluppo rurale) sono previsti investimenti per 21 miliardi di euro, stanziati per meta da Fondi europei e per meta da una quota nazionale. A questi va aggiunta una quota relativa ai finanziamenti dell’OCM (Organizzazione comune di mercato) di circa 4 miliardi di euro.

Tra le scelte compiute dalla nuova PAC la destinazione di 80 milioni di euro all’anno alle imprese agricole condotte da giovani, con la maggiorazione del 25% degli aiuti diretti per 5 anni.

(Foto di Tiberio Barchielli Filippo Attili: il sottosegretario di Stato, Graziano Delrio, al centro, con il ministro delle Politiche agricole alimentari e forestali, Maurizio Martina, a sinistra, e il sottosegretario alla Presidenza con delega alle Politiche europee, Sandro Gozi, illustrano in conferenza stampa a Palazzo Chigi i provvedimenti approvati al termine del Consiglio dei Ministri n. 25)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.