ENERGIA – Carburanti: Saglia, risparmi e lotta CO2 usando...

COMMERCIO ESTERO – Russia: Polidori rappresenta l’Italia al X...

15 settembre 2011 Comments (0) News

LAVORO – Fondi interprofessionali: utilizzabili anche per formare apprendisti e co.co.pro

Per effetto delle previsioni contenute nel D.L. n. 138/2011, i fondi interprofessionali per la formazione continua possono essere utilizzati anche per la formazione di apprendisti e collaboratori a progetto. In particolare, l’art. 10 del decreto ha stabilito che: 1. All’articolo 118, comma 1, della legge 23 dicembre 2000, n. 388, dopo le parole “si possono articolare regionalmente o territorialmente” aggiungere le seguenti parole “e possono altresi utilizzare parte delle risorse a essi destinati per misure di formazione a favore di apprendisti e collaboratori a progetto”.

La norma prevede, pertanto, che – al fine di promuovere, in coerenza con la programmazione regionale e con le funzioni di indirizzo attribuite in materia al Ministero del Lavoro e delle politiche sociali – lo sviluppo della formazione professionale continua, in un’ottica di competitivita delle imprese e di garanzia di occupabilita dei lavoratori, possono essere istituiti, per ciascuno dei settori economici dell’industria, dell’agricoltura, del terziario e dell’artigianato, fondi paritetici interprofessionali nazionali per la formazione continua.

Gli accordi interconfederali stipulati dalle organizzazioni sindacali dei datori di lavoro e dei lavoratori maggiormente rappresentative sul piano nazionale possono prevedere l’istituzione di fondi anche per settori diversi, nonche, all’interno degli stessi, la costituzione di un’apposita sezione relativa ai dirigenti. I fondi relativi ai dirigenti possono essere costituiti mediante accordi stipulati dalle organizzazioni sindacali dei datori di lavoro e dei dirigenti comparativamente piu rappresentative, oppure come apposita sezione all’interno dei fondi interprofessionali nazionali. I fondi, previo accordo tra le parti, si possono articolare regionalmente o territorialmente e possono altresi utilizzare parte delle risorse a essi destinati per misure di formazione a favore di apprendisti e collaboratori a progetto.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.