IMPRESE – Confindustria: manifatturiera è asse portante dell’economia

FISCO – Microimprese giovani e donne: presto sconti con...

6 giugno 2012 Comments (0) News

IMPRESE – Crisi: l’imprenditore partecipa sempre più all’attività produttiva

Negli ultimi anni, il tessuto imprenditoriale italiano sta cambiando pelle. A sostegno di questa tesi, le elaborazioni della Fondazione Rete Imprese Italia effettuate su dati di CoesioneSociale.Stat, che raccoglie le statistiche ufficiali prodotte dall’Inps, dall’Istat e dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali.

La partecipazione diretta dell’imprenditore all’attivita produttiva della propria azienda sembra, infatti, assumere un ruolo sempre piu rilevante: i ‘lavoratori in proprio con personale alle dipendenze’ sono le uniche, fra le figure professionali riconducibili al lavoro autonomo di impresa, ad aumentare di numero (secondo i dati dell’Istat, tra il 2004 e il 2011 sono cresciuti di 53 mila unita). Al contrario, nello stesso periodo, si registra un vero e proprio crollo della categoria degli ‘imprenditori’ (-42%), composta da coloro che amministrano la propria azienda sul versante organizzativo, ma non partecipano direttamente ai processi produttivi. Infine, sono i ‘lavoratori in proprio senza dipendenti’ (categoria dalla quale sono comunque esclusi i liberi professionisti) a mantenere la leadership (2,3 milioni), sebbene il trend sia stato di segno contrario (-9%).

La congiuntura negativa sembra aver dunque favorito un parziale cambiamento nell”antropologia’ del capitano d’azienda, al quale, tuttavia, possono aver concorso anche altri fattori.I lavoratori in proprio con personale alle dipendenze si sono mostrati piu flessibili, ricettivi e dunque adatti a navigare il mutato contesto economico di crisi. Si intravedono anche altre potenziali motivazioni del cambiamento di pelle del tessuto produttivo: l’accorciamento della catena di comando, in virtu delle contrazioni della pianta organica, l’ispessimento dimensionale delle aziende attraverso aggregazioni fra imprese (con una perdita netta di figure di imprenditori ‘manager’) o anche fenomeni di attrazione nell’area dell’irregolarita per i lavoratori in proprio senza dipendenti.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.