UE – Contraffazione: la sentenza di un giudice nazionale...

IMPRESE – Solitudine: Brunetta a Marcegaglia, si possono chiedere...

12 aprile 2011 Comments (0) News

LAVORO – Wyeth di Catania: acquisita da Pfizer passa da farmaci a brevetto a generici a scapito di ricerca, innovazione e lavoratori…

Lo stabilimento farmaceutico Wyeth di Catania occupa 700 lavoratori piu alcune centinaia nell’indotto ma dopo la sua acquisizione Wyeth da parte della Pfizer ha dimesso stabilimenti e centri di ricerca e lo stabilimento e cosi passato da farmaci a brevetto a produzione di generici con una conseguente contrazione della forza lavoro. Infatti, il 31 novembre 2010 si e fatto ricorso alla cassa integrazione guadagni straordinaria per 80 lavoratori con la garanzia del rientro attraverso una riqualificazione finanziata da Fondimpresa (fondo paritetico) ma il piano industriale presentato dall’azienda era incompleto e privo di qualsiasi prospettiva dopo la meta del 2012.

Il 1° febbraio 2011 l’azienda ha comunicato che entro il mese di novembre chiudera il centro di ricerche di Catania e questo portera alla perdita di 80 posti di lavoro e da allora si e interrotto il confronto con le organizzazioni sindacali con tutte le incognite che riguardano il futuro della realta catanese anche perche la Regione siciliana non ha mai convocato un tavolo di confronto e men che meno il Governo nazionale.

Lo si legge in un’interrogazione del Pd che ha come primo firmatario Giovanni Mario Salvino Burtone e rivolta al ministro dello Sviluppo economico Paolo Romani a cui – dopo aver sottolineato che si tratta di una realta importantissima nel campo della ricerca e della innovazione in un settore chiave della chimica – “se il Governo intenda attivare un tavolo per affrontare la vertenza Wyeth al fine di salvaguardare la capacita produttiva e di qualita dell’impianto attraverso il suo centro ricerche nonche i livelli occupazionali legati all’intera struttura industriale diretta e indiretta”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.