CRISI – Venturi: subito patto Governo – Pmi

FOCUS – Imprese: come ottimizzare il personale

14 settembre 2009 Comments (0) Dalla home page

LAVORO – Unioncamere: richiesti laureati e diplomati

Nel 2009 piu opportunita nelle imprese per laureati in economia e ragionieri

Piu laureati e diplomati per le imprese italiane che hanno programmato 523mila assunzioni entro il 2009, un anno, come quello attuale, in cui il sistema produttivo nazionale da una parte contiene le sue prospettive occupazionali, dall’altra alza il livello qualitativo delle sue assunzioni: infatti alle imprese servono oltre 62mila laurati e piu di 221mila diplomati.  Percentualmente questi titoli di studio accrescono la propria incidenza sul totale delle assunzioni: rispetto al 2008 le lauree rappresentano infatti quasi il 12% delle richieste delle imprese (erano il 10,6% lo scorso anno), mentre i diplomi superano il 42% (contro il 40,5% del 2008). A dimostrarlo e il Sistema informativo Excelsior di Unioncamere e Ministero del Lavoro, uno dei pochi strumenti di orientamento disponibili per i giovani e le famiglie alle prese con la scelta della facolta universitaria che offra reali chance per il futuro o prossimi all’inizio dell’anno scolastico.
I piu amati dalle imprese si confermano i laureati in Economia e nei diversi indirizzi di Ingegneria. Ma nel 2009 aumenta la richiesta di altre tipologie di laureati, o in termini di peso percentuale sul totale delle assunzioni (e il caso dei laureati nell’indirizzo sanitario-paramedico), oppure, sebbene con una richiesta decisamente piu contenuta, in valore assoluto (come nel caso dell’indirizzo politico-sociale). Tra i diplomi, quelli con indirizzo amministrativo-commerciale assicurano maggiori possibilita ai giovani.
“I dati di Excelsior mostrano che il sistema produttivo italiano non si e certo fermato in quest’anno difficile per l’economia – ha evidenziato il presidente di Unioncamere, Ferruccio Dardanello (nella foto) – Una delle prime strategie messe in atto per contrastare la crisi, infatti, e quella dell’investimento sul capitale umano, la risorsa principale sulla quale puo contare l’impresa. Ecco cosi che, pur dovendo contenere i propri programmi di assunzione, le imprese alzano ‘il tiro’ e si mettono alla ricerca di professionalita piu elevate e di giovani laureati. L’obiettivo e quello di prepararsi ad affrontare la sfida della ripresa potendo contare su competenze capaci di fare la differenza, di produrre innovazione, di accrescere la competitivita”.
Sono 18.600  i laureati in Economia richiesti quest’anno dalle imprese, il 60% dei quali dovrebbe essere assunto con contratto a tempo indeterminato. Nella classifica dei titoli universitari piu ricercati il secondo posto e occupato dall’indirizzo “sanitario e paramedico” (6.700), in salita di due posizioni rispetto al 2008, e da quello di “ingegneria elettronica e dell’informazione” (6.600). Fermo restando una richiesta piu contenuta da parte delle imprese, il confronto con l’anno scorso mostra tuttavia una miglior tenuta dell’indirizzo economico (che concentra il 29,8% dei laureati previsti per il 2009 contro il 29,7% dello scorso anno), del “chimico-farmaceutico” (5,7% contro il 5,6% del 2008) e di quello di “ingegneria civile e ambientale” (3,4% rispetto al 3,1% dello scorso anno).
In termini relativi, cresce la domanda di laureati a indirizzo “sanitario e paramedico” (10,7% contro l’8,3% del 2008), mentre aumenta sia in valore assoluto, sia in termini di incidenza sul totale, la richiesta di laureati dell’indirizzo politico-sociale (1.300 le assunzioni previste quest’anno, 250 in piu del 2008) e di quello letterario, filosofico, storico e artistico (1.120 nel 2009, 220 unita in piu del 2008).
I diplomati rappresentano circa 222mila delle assunzioni programmate nel corso del 2009 (a fronte delle 335mila dello scorso anno), con una crescita, in termini di incidenza sul totale, di circa due punti rispetto al 2008. I diplomi piu richiesti dalle imprese si confermano quelli a indirizzo “amministrativo e commerciale” (75.900 assunzioni), seguiti dall’indirizzo “meccanico” (14.800) e da quello “turistico-alberghiero” (13.500). Circa 8mila, inoltre, le richieste dell’indirizzo elettrotecnico. Anche in termini relativi, l’indirizzo “amministrativo e commerciale” consolida il suo primato e si conferma nel 2009 in crescita: il suo peso percentuale sul totale delle assunzioni (34,2%) aumenta di circa un punto rispetto allo scorso anno (33,4%). Un incremento relativo risulta poi per l’indirizzo “informatico” (2,9% la quota per l’anno in corso rispetto al 2,5% del 2008) e per quello “socio-sanitario” (1,5% a fronte dell’1,1% di dodici mesi fa).
 
L’attenzione crescente alle competenze dei candidati all’assunzione si accompagna anche all’orientamento sempre piu accentuato delle imprese ad assumere personale che abbia gia avuto una precedente esperienza lavorativa. Quest’anno questa inclinazione interessa il 57,5% delle assunzioni programmate, 2 punti percentuali in piu del 2008.
La maggiore disponibilita di offerta sul mercato del lavoro giustifica inoltre la diminuzione di circa 6 punti percentuali della quota di assunzioni non stagionali considerate di difficile reperimento (20,5% rispetto al 26,2% del 2008), motivata soprattutto dalla diminuzione dei problemi legati a una ridotta presenza della figura da assumere (25%, oltre quattro punti in meno rispetto al 2008). Resta pero immutata la difficolta legate al mismatch fra il profilo qualitativo tra domanda e offerta di lavoro, tanto e vero che per il 35,3% delle figure per le quali le imprese prevedono di incontrare difficolta in fase di reclutamento si “ripieghera” su candidati con un livello di qualificazione piu basso, per poi formarli successivamente all’ingresso in azienda.
Continua a mantenersi alto anche quest’anno il gap tra Nord e Mezzogiorno quanto a richiesta di lavoratori in possesso di titolo di studio universitario e di scuola superiore. Se nel Nord-Ovest la quota di assunzioni riservata a laureati e diplomati raggiunge quasi il 60% del totale, nel Nord-Est arriva al 53,6%, al Centro al 53,3%, nel Mezzogiorno al 50,1%, con una quota di laureati richiesti che non raggiunge il 9%. A livello provinciale, spicca l’alta percentuale di laureati richiesti a Milano, Torino, Roma, Padova e Pescara, Monza e Varese, mentre sul fronte opposto si posizionano Imperia, Grosseto, Asti e Avellino. Lucca, Matera, Imperia, Cosenza e Aosta eccellono invece nella richiesta di diplomati, le cui opportunita sono inferiori, invece, a L’Aquila, Caltanissetta, Viterbo, Isernia e Livorno.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.