CRISI – Occupazione: Santini, serve intervento organico di sostegno...

LAVORO – Opportunità a Torino: per Cioccolatò servono 300...

31 gennaio 2012 Comments (0) News

LAVORO – Privatizzazione terreni agricoli: Coldiretti, con la prelazione a favore dei giovani 43mila nuove imprese

La privatizzazione dei terreni agricoli di proprieta dello Stato, con la prelazione a favore dei giovani agricoltori, potrebbe portare alla nascita di 43mila nuove imprese. E’ quanto ha stimato la Coldiretti in riferimento alle misure contenute nel decreto legge sulle liberalizzazioni, in occasione della diffusione dei dati Istat sulla disoccupazione giovanile.

”All’articolo 66 il decreto sancisce positivamente – ha sottolineato la Coldiretti – l’avvio dell’operazione di dismissione dei terreni demaniali da effettuare con la prelazione per i giovani imprenditori agricoli nelle procedure di alienazione, che dovranno essere effettuate attraverso aste pubbliche sopra i centomila euro con l’obbligo di conservare la destinazione agricola per venti anni. Lo Stato e proprietario in Italia di 338mila ettari di terreni agricoli, gestiti attraverso amministrazioni ed enti pubblici, che potrebbero essere venduti agli agricoltori, sulla base di una analisi della Coldiretti dei dati del Censimento Istat del 2010”.

”Dal ritorno delle terre pubbliche agli agricoltori – ha affermato Vittorio Sangiorgio, delegato nazionale dei giovani della Coldiretti – che le coltivano possono nascere nuove imprese o, in alternativa, essere ampliate quelle esistenti, come testimonia il fatto che il 50% delle imprese agricole condotte da giovani chiede la disponibilita di terra in affitto o acquisizione, secondo una indagine Coldiretti/Swg”.

”L’agricoltura – ha concluso il delegato dei giovani della Coldiretti – si classifica al terzo posto dopo costruzioni e commercio tra le attivita’ imprenditoriali preferite dai giovani ed e’ l’unico settore che non ha visto diminuire la presenza percentuale di giovani imprenditori agricoli under 30 negli ultimi quindici anni”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.