DISTRIBUZIONE-MioMercato: in Sicilia, dal 26 maggio a Sciacca un...

LAVORO-Servizi HR: Randstad Holding acquisisce Obiettivo Lavoro

20 maggio 2016 Comments Off on LAVORO-Page Personnel: l’evoluzione del lavoro temporaneo e dell’interim management in Italia e nel resto del mondo Commerciale

LAVORO-Page Personnel: l’evoluzione del lavoro temporaneo e dell’interim management in Italia e nel resto del mondo

Page Personnel, multinazionale inglese leader in ricerca di professionisti qualificati, ha condotto un’indagine globale per analizzare l’evoluzione del lavoro temporaneo e dell’interim management e per capire come questa modalità di collaborazione sia percepita dai candidati, ma anche dalle aziende. Ne emerge un quadro molto positivo: maggiore responsabilità, maggiori competenze e obiettivi sfidanti anche per i candidati “a tempo”.

In uno scenario in continua evoluzione, le aziende stanno diventando sempre più esigenti: i lavori temporanei o ad interim, che per loro natura hanno una scadenza spesso molto stretta, richiedono sempre maggiori competenze, autonomia, responsabilità e capacità di lavorare sotto pressione e a ritmi molto serrati: quattro selezionatori su cinque (84%) si aspettano dai lavoratori temporanei e dai manager ad interim notevole flessibilità e capacità di adattarsi più velocemente ai nuovi carichi di lavoro. Non meno importanti sono la capacità di lavorare in completa autonomia (83%) e spiccate doti di comunicazione (82%) per operare in sinergia con gli altri membri del team o con i colleghi di altri dipartimenti.

Il personale temporaneo o ad interim soddisfa gli stessi bisogni dei lavoratori a tempo indeterminato in azienda? Il 40% dei manager sostiene di impiegare lavoratori in somministrazione o ad interim per soddisfare le stesse mansioni degli impiegati permanenti e la proporzione è anche più alta in Belgio (55%), Italia e Spagna (49%), Brasile (48%) e Regno Unito (47%). In America Latina (21%) – con un picco in Cile del 29% – e in Europa – in Svezia (28%) e in Svizzera (25%) – la situazione è diametralmente opposta: i selezionatori dichiarano di non selezionare lavoratori in somministrazione o dirigenti ad interim per svolgere gli stessi compiti dei colleghi a tempo indeterminato.

Il campione dell’indagine, lato candidati. Più di 8 su 10 (82%) hanno almeno 5 anni di esperienza. Quattro quinti dei lavoratori temporanei sono oltre i 30 anni di età (95% di interim manager). Più nello specifico, il 66% ha 36 anni o più (88% degli interim manager) e il 41% ha oltre 46 anni (60% di interim manager).

In allegato  i dettagli.

Allegati

Comments are closed.