SICUREZZA – Furto d’identità sul web: Adiconsum attiva numero...

LAVORO – Franchising: nuovo corso di Formazione No+Vello per...

26 marzo 2013 Comments (0) News

LAVORO – Mansioni soppresse e repêchage: nessun obbligo di formare il lavoratore

La Corte di Cassazione (sez. lav, 11 marzo 2013, n. 5963) ha affrontato il caso di un lavoratore licenziato per giustificato motivo oggettivo, a causa della soppressione del reparto presso il quale era impiegato.

La Suprema Corte ha ricordato che il datore di lavoro non e tenuto formare un dipendente in modo tale da consentirgli il conseguimento di titoli o competenze necessarie per svolgere mansioni diverse da quelle che sono state soppresse. Tale obbligo sussiste soltanto per le specifiche mansioni per le quali i dipendenti sono stati assunti e utilizzati, mentre non si estende fino a comprendere mansioni diverse.

L’obbligo di repechage e correttamente adempiuto quindi dal datore di lavoro quando abbia verificato la sussistenza di mansioni coerenti alle attitudini e alle competenze che erano possedute dal lavoratore al momento del suo licenziamento. (Fonte: Il Sole 24 Ore)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.