LAVORO – Pmi Campania. nasce la sinergia tra il...

IMPRESE – Emila Romagna: alla scoperta del Vietnam

30 marzo 2012 Comments (0) News

LAVORO – Guadagni: Cgia, non è vero che gli imprenditori guadagnano meno dei dipendenti. E’ un falso statistico, anzi, una forma di analfabetismo fiscale

E’ un falso statistico, anzi, una forma di analfabetismo fiscale. Non e vero che gli imprenditori guadagnano meno dei dipendenti. Ancora una volta qualcuno in malafede include, nel dato medio usato per dimensionare il reddito di un lavoratore dipendente, anche quelli percepiti dai magistrati, dai manager privati e pubblici, dai dirigenti privati/statali, dai professori universitari. Categorie, queste ultime, che alzano abbondantemente il dato reddituale medio. Se, invece, il confronto viene eseguito tra il reddito di un artigiano e quello di un suo dipendente, si scopre che il primo guadagna il 42% in piu del secondo. E’ questo il primo commento rilasciato dal segretario della Cgia di Mestre, Giuseppe Bortolussi, che contesta la comparazione statistica, effettuata tendenziosamente dal Dipartimento delle Finanze del Ministero dell’Economia, tra i redditi degli imprenditori e quelli dei lavoratori dipendenti.

Nel 2010, il reddito medio di un lavoratore dipendente, secondo il Dipartimento delle Finanze, e stato pari a 19.810 euro. Ma il reddito di un operaio con 10 anni di anzianita che lavora presso una ditta artigiana e stato, invece, di 15.505 euro (-21% rispetto al reddito medio nazionale). Ebbene, se consideriamo che una ditta individuale artigiana ha dichiarato mediamente 22mila euro di reddito, essa ha dichiarato il 42% circa in piu del suo dipendente.

“Infine – ha spiegato Bortolussi – se si tiene conto che il reddito medio di un imprenditore del Nord supera del 50% circa quello di un collega del Sud, che il 70% degli artigiani e dei commercianti lavora da solo, che il dato medio reddituale medio e abbassato dalla nati/mortalita delle imprese e dallo splitting familiare (*), non e assolutamente uno scandalo, vista la crisi in atto, che un imprenditore dichiari mediamente a livello nazionale poco piu di 18mila euro l’anno”.

(*) lo splitting consente di dividere il reddito tra familiari. Pertanto, questa operazione fiscale abbassa il dato medio reddituale.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.