INNOVAZIONE-HydroloGIS: veloci i rilievi con lo smartphone

PMI-Appalti pubblici: Ue, frazionare i lotti

30 gennaio 2012 Comments (0) Dalla home page

LAVORO- Green economy: cercansi 3mila eco-manager

Gestire con principi ecologici il tessuto produttivo di un imminente futuro, sara una necessita economica vincolante. L’eco – management rappresenta, quindi, una nuova e inedita opportunita per i giovani della green economy. E emerso dall’intervento di Eduardo Salvia – managing partner di Odgers Berndtson, secondo network europeo e tra i primi al mondo nell’Executive Search – alla tavola rotonda di venerdi 20 gennaio a Milano, dal titolo “Le energie rinnovabili: un contributo essenziale allo sviluppo di un modello macroeconomico sostenibile”.

“Nelle organizzazioni italiane c’e bisogno fin da ora di almeno 3mila ‘eco-manager’ – ha spiegato Salvia – Per ‘eco-manager’ si intende non tanto l’Energy manager, ma il manager che, in qualunque azienda operi, e chiamato ad agire con criteri ‘eco'”. Le prospettive di crescita del top management ‘green’ sono col segno + non solo nel nostro Paese, ma anche in Europa e nel mondo. In Italia solo gli energy manager sono oggi circa 2650 (dati Fire, Federazione Italiana per l’uso Razionale dell’Energia), e la cifra e destinata a crescere di almeno dieci volte. Secondo Confindustria nell’efficienza energetica saranno disponibili 1.6 milioni di posti lavoro in 8 anni. In Europa, entro il 2020 nelle energie verdi si parla di 2 milioni e 800mila addetti.

Per l’Unep (l’agenzia delle Nazioni Unite per l’ambiente), nei prossimi vent’anni, la previsione dello sviluppo delle figure manageriali che avranno a che fare con l’energia nel mondo e di 8 milioni di posti lavoro. Un boom che ha delle ragioni precise. Una legislazione severa, i vincoli di risparmio energetico, l’esigenza di sostenibilita dei cicli di lavorazione e le aspettative dei consumatori fanno dell’eco-manager una delle figure con maggior aspettativa di crescita. Gli incentivi statali non sono quindi l’unica leva. Un’azienda governata secondo gli standard green – per esempio dotata di certificazioni ambientali – e in vantaggio sui suoi competitor nel partecipare a bandi di gare, cosi come nell’intercettare i nuovi trend del mercato.
Quali competenze deve avere un green manager?

“E un ruolo di board – ha rilevato Salvia – che sa interpretare in chiave ‘verde’ produzione, organizzazione e mercato facendo del ‘green’ un principio di governance. Le sue competenze dunque sono trasversali. Deve mantenere costanti legami con i vari settori dell’impresa: produzione, acquisti, logistica, marketing e comunicazione. E deve anche diffondere la cultura verde in azienda, sensibilizzando i dipendenti”.

“Un eco manager – prosegue Salvia – verifica che tutti i processi avvengano secondo i disciplinari di qualita ambientale; supervisiona l’applicazione dei criteri di efficienza energetica; si assicura che il marketing sappia valorizzare il surplus green del prodotto e dell’azienda. Ha come alleati strategici gli esperti green: gli eco-auditor, che controllano gli impianti produttivi e la tipologia di rifiuti pericolosi, il risk manager, a cui spetta il compito di individuare i punti deboli e i rischi delle attivita commerciali, e l’energy manager, lo specialista dell’ottimizzazione dell’uso dell’energia”.
La formazione accademica di una figura di questo tipo e varia: utilissime, ma non imprescindibili, le lauree specialistiche in ingegneria gestionale ed economia. Trovano un loro perfetto inserimento nel mondo del management green gli ingegneri del controllo ambientale e i laureati in economia con un master in comunicazione ambientale, cosi come i laureati in filosofia e in scienze fisiche.

Una cosa e certa: “Dobbiamo pensare l’eco-manager come un manager del futuro, che non viaggia piu su binari preconfezionati, ma sa modellare conoscenze, competenze ed esperienze su una realta in continua evoluzione. Non bastera piu saper stendere un convincente studio di fattibilita: servira tenersi al passo con la legislazione ambientale e con quanto succede sullo scenario globale. Le caratteristiche in piu che un head hunter cerca in un candidato per queste posizioni – conclude Salvia – sono vivacita di pensiero, esperienze in diversi settori e la conoscenza dei processi aziendali”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.