LAVORO – Ddl: Camera, arbitrato solo per controversie

IMPRESE-Zucchero: a rischio 10mila agricole e 4 stabilimenti

1 maggio 2010 Comments (0) Dalla home page

LAVORO – Giovani: al Sud + 30% di disoccupati

Nel 2009 in sei Regioni il tasso di disoccupazione dei giovani tra 15 e 24 anni e risultato superiore al 30%: in Sardegna e al 44,7%, in Sicilia al 38,5%, in Basilicata al 38,3%, in Campania al 38,1%, in Puglia al 32,6%, in Calabria al 31,8% e nel Lazio al 30,6%. Sul versante opposto le Regioni con la disoccupazione piu bassa sono la Toscana con il 17,8%, la Valle d’Aosta con il 17,5%, il Veneto con il 14,4% e il Trentino-Alto Adige con il 10,1%. E’ quanto emerso da un’elaborazione della Confartigianato sull tasso di disoccupazione giovanile (15-24 anni) arrivato a marzo 2010 al picco del 27,7%, 2,9 punti percentuali in piu rispetto ad un anno prima. Ma c’e un altro fattore da considerare: l’abbandono scolastico che vede in testa l’Alto Adige (17,4%), a cui segue la Sicilia 15,7%), la Sardegna (15,2%), la Campania (13,9%) e la Liguria con il 12,3% , mentre la scuola dell’obbligo e seguita da piu ragazzi nelle Marche con il 7,8%, nel Veneto con il 7,5%, nel Molise con il 6,9%, in Friuli Venezia Giulia con 6,5% e in Umbria con il 5,0%.

In merito la Confartigianato ha sottolineato che “uno strumento come l’apprendistato puo aiutare l’economia italiana a colmare il gigantesco gap rispetto al resto d’Europa per quanto riguarda le condizioni del mercato del lavoro giovanile. Il contratto di apprendistato – viene sottolineato – puo facilitare sia l’accesso al mercato del lavoro da parte dei giovani, sia a favorire quella formazione in azienda che diventa indispensabile per ridurre la discordanza tra domanda e offerta rilevata sul nostro mercato dl lavoro. Va infatti evidenziato che a fronte di una difficolta di reperimento di personale non stagionale nell’artigianato del 25,1% nel 2009, si osserva che in ben otto regioni la difficolta di reperimento supera il 30%”.

Per quanto riguarda l’occupazione, i tassi piu alti sono registrati in Valle d’Aosta con il 27,8%, in Emilia-Romagna con il 28,1%, in Lombardia con il 28,8%, in Veneto con il 30,2% e in Trentino-Alto Adige con 34,2%. La piu bassa occupazione dei giovani tra 15 e 24 anni in Campania con il 12,9%, in Calabria con il 13,4%, Basilicata con 13,6%, Sicilia con 14,2% e Sardegna con il 15,5%. Ma la situazione fotografata dalla Confartigianato e anche un indicatore del lavoro irregolare: con riferimento al 2007, la quota di unita di lavoro irregolari sul totale e dell’11,8% in media nazionale, con un valore del Mezzogiorno che e piu che doppio rispetto alle due ripartizioni del Nord. Il valore del tasso di irregolarita del lavoro piu alto e quello della Calabria (27,3%), seguita a distanza da Molise (19,4%), dalla Basilicata 19,0%) e dalla Sicilia e Sardegna (entrambe con 18,8%). Sul versante opposto, la maggiore regolarita del mercato del lavoro la riscontriamo in Toscana e Veneto (8,6%), Bolzano e Lombardia (8,4%) e infine Emilia Romagna (8,1%).

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.