STARTUP-Commercio: Start Path Europe, c’è tempo fino al 19...

INNOVAZIONE-Artigianato digitale: in arrivo gli incentivi del Mise

9 febbraio 2015 Comments Off on LAVORO-Ericsson di Marcianise: Mise, slitta termine confronto cessione a Jabil News

LAVORO-Ericsson di Marcianise: Mise, slitta termine confronto cessione a Jabil

Il 19 febbraio non sarà più scadenza perentoria per la conclusione del confronto Azienda- Sindacati sulla procedura per il passaggio del sito Ericsson di Marcianise (Caserta) all’americana Jabil. Il Governo- al termine della riunione  del Tavolo- ha infatti ottenuto che il confronto possa proseguire oltre tale data (quella della cessione del ramo di azienda vera e propria resta invece fissata per il primo di aprile). Inoltre, ha registrato la disponibilità delle  due multinazionali (svedese ed americana) ad un chiarimento approfondito sul valore dell’operazione e la disponibilità del sindacato a tornare a confrontarsi.

Il tutto avverrà molto rapidamente. Le parti, infatti, torneranno al Ministero dello Sviluppo Economico il 24 febbraio. “Abbiamo bisogno di un po’ di tempo in più- ha affermato il vice ministro Claudio De Vincenti che ha coordinato la discussione ed è stato affiancato dal Responsabile dall’Unità di Gestione delle Crisi Industriali Giampiero Castano – perché con Ericsson dobbiamo verificare la strategia della sua presenza in Italia, mentre con Jabil va verificata la solidità del Piano Industriale. Chiediamo infatti impegni seri perché l’acquisizione dello stabilimento di Marcianise rappresenti un rafforzamento del settore, quello delle telecomunicazioni, che per il Governo italiano è strategico”.

In apertura dell’incontro,  il responsabile delle Relazioni Industriali di Ericcson Carlo La Bella ha illustrato le ragioni per le quali il Gruppo intende uscire da Marcianise, mentre Clemente Cillo (Amministratore Delegato di Jabil, accompagnato dal responsabile Risorse Umane Andrea Lo Sasso) ha sommariamente tratteggiato le linee portanti del progetto industriale  al quale è legato il futuro dell’impianto campano (l’ingresso in un settore nuovo per la multinazionale leader nella produzione di componenti elettronici, la differenziazione di prodotto per Marcianise).

Esecutivo e Organizzazioni sindacali hanno chiesto maggiori dettagli sull’effettiva capacità del Piano di garantire i livelli occupazionali. Soprattutto di questo si discuterà da qui al prossimo appuntamento di fine mese al Mise.

Alla discussione hanno partecipato anche il Comune di Marcianise, le Organizzazioni nazionali e territoriali dei Metalmeccanici e le RSU.

Comments are closed.