FISCO-Spesometro: chi, come, quando. Le istruzioni sull’uso

PMI-Sardegna:Ue potrebbe vietare i culurgiones fatti in casa

12 giugno 2011 Comments (0) Approfondimenti

LAVORO-Assistenza: corsi per seguire i malati di Sla

In Italia si manifestano in media 3 nuovi casi di Sclerosi Laterale Amiotrofica (malattia piu nota con l’acronimo di Sla) al giorno e si contano circa 6 ammalati ogni 100mila abitanti: al momento non esiste una terapia capace di guarire la Sla e gli unici farmaci approvati possono rallentare la progressione della malattia e ridurne i sintomi, mentre alcuni ausili riescono a migliorare l’autonomia personale, il movimento e la comunicazione ed e possibile intervenire per evitare la denutrizione e aiutare il paziente a respirare. Negli ultimi anni, le ricerche si sono moltiplicate e la speranza di trovare presto un rimedio definitivo si e fatta piu concreta. In una situazione di questo tipo, si capisce bene quanto l’assistenza infermieristica giochi un ruolo chiave. Lo ricorda una nota dell’Agenzia per il Lavoro Openjob SpA nella quale informa che attraverso una delle sue divisioni specializzate – la Divisione Sanita – e in grado di ricercare e selezionare infermieri professionali e operatori socio sanitari sia in Italia (dove la carenza di questi professionisti e cronica) che all’estero. Ma soprattutto, attraverso i fondi Forma.Temp e in grado di attivare assortite tipologie di percorsi formativi in grado di completare la preparazione tecnica di infermieri professionali e operatori socio sanitari.

E proprio il 18 aprile scorso si e concluso il primo corso per “operatore domiciliare di pazienti affetti da Sla” allo scopo di formare operatori socio sanitari da destinare all’assistenza del paziente con Sla o con altre forme di malattie neurodegenerative. Il progetto e stato articolato per un totale di 128 ore – suddivise tra teoria e pratica – e ha permesso agli iscritti di affrontare la grande complessita degli interventi terapeutici e assistenziali nel paziente con Sla. In particolare, e stato preso in esame il modello funzionale Chronic Care Model, uno strumento operativo per il miglioramento della qualita dei processi assistenziali al fine anche di contenere i costi nella gestione delle malattie croniche, in fase non critica ed in fase critica (di competenza ospedaliera). Al termine del corso e stato rilasciato un attestato di frequenza.

Questa esperienza testimonia quanto, nel tempo, il ruolo dell’Agenzia per il Lavoro, stia diventando sempre piu importante socialmente, non solo perche in grado, con i propri servizi di intermediazione tra domanda e offerta di impiego, di supportare il mercato anche in contesti organizzativi delicati, quali appunto quello sanitario, ma anche per la sua capacita di fornire i mezzi e l’organizzazione per completare la formazione professionale dei propri candidati al fine di collocarli con sempre maggiore pertinenza e soddisfazione. Anche i numeri complessivi della Divisione Sanita di Openjob parlano di un 1° quadrimestre di attivita 2011 davvero florido, che ha visto l’assunzione di: 96 infermieri professionali, 75 operatori socio sanitari, 80 ausiliari socio assistenziali, per un fatturato totale di quasi 3 milioni e mezzo di euro.

Contenuti del corso per operatore domiciliare di pazienti affetti da Sla:

1° modulo – Introduzione: la Sla e il modello integrato dell’assistenza
? Conoscere la definizione, epidemiologia, sintomatologia e decorso del paziente con sla
? Conoscere la rete socio-assistenziale
? conoscere la normativa a tutela
? Sapersi relazionare correttamente con il paziente con Sla e i familiari
? Conoscere il modello funzionale Chronic Care Model
? Problematiche assistenziali del paziente con Sla

2° modulo – Le cure di base al paziente con Sla
? Conoscere le caratteristiche e le funzioni della cute e le principali alterazioni della cute
? Conoscere le tecniche per garantire la cura del corpo
? Conoscere i fattori che possono influenzare l’igiene e l’abbigliamento

3° modulo – La mobilizzazione e gli ausili
? Conoscere le modalita e tecniche di mobilizzazione
? Conoscere le problematiche della persona allettata e il movimento a letto
? Conoscere i presidi e ausili utilizzati per la mobilizzazione

4° Modulo – La gestione della Alimentazione ed eliminazione
? Conoscere principali elementi nutritivi, Metabolismo e fabbisogno energetico
? Saper fare una valutazione dello stato nutrizionale
? Conoscere le norme igieniche per la preparazione degli alimenti
? Saper preparare i pasti
? Saper gestire correttamente una Peg
? Saper gestire correttamente il catetere urinario
? Saper praticare l’enteroclisma

5° Modulo – La gestione della ventilazione
? Conoscere Elementi di anatomia e fisiologia dell’apparato respiratorio
? Conoscere le Principali alterazioni della funzionalita dell’apparato respiratorio
? Conoscere i principali presidi utilizzati per la gestione delle vie respiratorie
? Conoscere le norme per la somministrazione dell’ossigenoterapia
? Conoscere le norme per L’aspirazione delle vie aeree
? Conoscere le norme per L’aspirazione della tracheotomia
? Conoscere le norme per comportamentali con malati sottoposti a ventilazione artificiale

6° modulo – Diritti e doveri dei lavoratori in somministrazione
? Il contratto collettivo nazionale dei lavoratori in somministrazione

7° modulo – Salute e sicurezza sui luoghi di lavoro
? DLGS 81/08

8° Modulo – Affiancamento passivo
? Ogni gruppo affianchera l’operatore esperto, osservandone il lavoro, presso il domicilio del Paziente

9° Modulo – Visita aziendale

Nota – Che cos’e la Sla
La Sclerosi Laterale Amiotrofica (Sla), conosciuta anche come “Morbo di Lou Gehrig”, “malattia di Charcot” o “malattia dei motoneuroni”, e una malattia neurodegenerativa progressiva che colpisce i motoneuroni, cioe le cellule nervose cerebrali e del midollo spinale che permettono i movimenti della muscolatura volontaria. Esistono due gruppi di motoneuroni; il primo (primo motoneurone o motoneurone centrale o corticale) si trova nella corteccia cerebrale e trasporta il segnale nervoso attraverso prolungamenti che dal cervello arrivano al midollo spinale. Il secondo (2° motoneurone o motoneurone periferico o spinale) e invece formato da cellule nervose che trasportano il segnale dal midollo spinale ai muscoli. La Sla e caratterizzata dal fatto che sia il primo che il secondo motoneurone vanno incontro a degenerazione e muoiono. La morte di queste cellule avviene gradualmente nel corso di mesi o anche anni. In tale arco di tempo i motoneuroni rimasti, almeno in parte, sostituiscono nelle proprie funzioni quelle distrutte. I primi segni della malattia compaiono quando la perdita progressiva dei motoneuroni supera la capacita di compenso dei motoneuroni superstiti fino ad arrivare ad una progressiva paralisi, ma con risparmio delle funzioni cognitive, sensoriali, sessuali e sfinteriali (vescicali ed intestinali). Generalmente si ammalano di Sla individui adulti di eta superiore ai 20 anni, di entrambi i sessi, con maggiore frequenza dopo i 50 anni. (www.aisla.it)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.