LISTE PULITE – Decreto: questa mattina in Cdm. L’iter

PMI – Lazio: Federlazio, è recessione. Attivare subito iniziative...

30 novembre 2012 Comments (0) News

LAVORO – Allarme disoccupazione: senza lavoro quasi 2,9 mln. E il 36,5% dei giovani

E il livello piu alto sia dall’inizio delle serie storiche mensili, gennaio2004, sia dall’inizio delle serie trimestrali, IV trimestre 1992. Lo ha reso noto l’Istat. Il tasso di disoccupazione a ottobre ha superato la soglia dell’11%, raggiungendo l’11,1%, in rialzo di 0,3 punti percentuali su settembre e di 2,3 punti su base annua. Secondo l’Istat tra i 15-24enni le persone in cerca di lavoro sono 639 mila: un picco massimo sia dall’inizio delle serie mensili sia dall’inizio delle serie trimestrali.

Il tasso di disoccupazione si e attestato a ottobre, secondo le stime provvisorie dell’Istat, a un livello record dell’11,1% in aumento di 0,3 punti percentuali rispetto a settembre e di 2,3 punti nei dodici mesi. A ottobre gli occupati sono 22 milioni 930 mila, sostanzialmente stabili rispetto a settembre. Su base annua si registra un calo dello 0,2% (-45 mila unita). Il tasso di occupazione e pari al 56,9%, in aumento di 0,1 punti percentuali nel confronto congiunturale, invariato rispetto a dodici mesi prima. Il numero di disoccupati, pari a 2 milioni 870 mila, aumenta del 3,3% rispetto a settembre (+93 mila unita). La crescita della disoccupazione riguarda sia la componente maschile sia quella femminile. Su base annua si registra una crescita del 28,9%

E sono quasi tre milioni (2milioni 877mila) i lavoratori precari nel terzo trimestre del 2012: si tratta del livello piu alto dal terzo trimestre del 2004. I dipendenti a termine, sempre nel terzo trimestre del 2012, sono 2milioni 447mila (dato piu alto dal terzo trimestre 1993), mentre i collaboratori sono pari a 430mila.

Nel terzo trimestre del 2012, i lavoratori part time hanno raggiunto la soglia record di 3 milioni 847mila unita: si tratta del livello piu alto mai raggiunto. E’ infatti il dato piu alto registrato dal terzo trimestre del 1993. Per oltre la meta dei lavoratori (58%), il part time e involontario.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.