MODA – Gucci esempio di Responsabilità Sociale

ECO – Scajola: la ripresa si sta rafforzando

17 settembre 2009 Comments (0) Dalla home page

LA POLEMICA – Legno: Rimini sfida Milano. Ancimall reagisce

Delachi: sconcertati dalla scelta della Fiera di Rimini

La Fiera di Rimini ha programmato una fiera del tutto analoga a  Xylexpo, dieci giorni prima della rassegna milanese, suscitando al reazione di Acimall, l’Associazione costruttori italiani di macchine e accessori per la lavorazione del legno che rappresenta oltre 210 aziende del settore. “Non possiamo che essere sconcertati dalla scelta di Fiera di Rimini e siamo pronti ad affrontare questa sfida e a sostenere la leadership di Xylexpo con tutti gli strumenti a nostra disposizione”, ha affermato Ambrogio Delachi, presidente di Acimall (nella foto), commentatndo la notizia che la Fiera di Rimini si prepara a organizzare una rassegna espositiva in aperta concorrenza con Xylexpo, la biennale mondiale delle tecnologie per il legno e le forniture per l’industria del mobile che si terra dal 4 all’8 maggio 2010 a Milano.
Una rassegna che in oltre quarant’anni ha saputo conquistare una leadership mondiale, consacrata come l’evento piu importante degli anni pari, forte di oltre 82.000 visitatori (il 51,5% dall’estero), una superficie espositiva di 75.000 metri quadrati e oltre 850 espositori da tutto il mondo. La rassegna e organizzata da Cepra, braccio operativo di Acimall che rappresenta la quasi totalita delle imprese attive nella produzione di tecnologie per il legno: circa 210 aziende che realizzano oltre il 91% del fatturato di settore.
“In un periodo economico cosi complesso e difficile, che dovrebbe vedere ogni ente, istituzione, impresa fare quadrato a difesa di un settore industriale che sente minacciato il proprio primato – ha concluso il presidente di Acimall – ci troviamo invece costretti a disperdere energie preziose per contrastare scelte che non guardano certo all’interesse del Made in Italy”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.