CSR-Innovazione sociale: essere imprese coesive, una scelta che conviene

STARTUP-WarmWild: concorso fotografico per maglietta hi-tech della salute

28 gennaio 2015 Comments Off on L. ELETTORALE-Italicum 2.0: torna alla Camera. Ok definitivo ad aprile? Dalla home page

L. ELETTORALE-Italicum 2.0: torna alla Camera. Ok definitivo ad aprile?

Il voto finale di martedì 27 gennaio, si è concluso con 184 sì e 66 no. Determinante  l’assenza dei dissidenti di Pd e Fi che ha abbassato il quorum richiesto. Ora l’Italicum 2.0 tornerà alla Camera per il via libera definitivo che secondo le previsioni del ministro Maria Elena Boschi arriverà non prima di aprile.

Ecco in 12 punti la nuova riforma della legge elettorale, ribattezzata Italicum 2.0, approvata dal Senato a modifica e riscrittura di quella uscita 10 mesi fa da Montecitorio dove ora la legge torna per un nuovo esame.

NUOVA SCHEDA ELETTORALE. la riforma introduce una nuova scheda elettorale: ogni casella sarà composta dal contrassegno del partito al centro, a sinistra il nome e il cognome del capolista mentre a destra due righe per le preferenze. 100

COLLEGI PLURINOMINALI. le liste dei candidati sono presentate in 20 circoscrizioni elettorali suddivise nell’insieme in 100 collegi plurinominali, fatti salvi i collegi uninominali nelle circoscrizioni Valle d’Aosta e Trentino-Alto Adige, per le quali verranno reintrodotti i collegi uninominali;

ELETTI ALL’ESTERO. I 12 deputati eletti nella circoscrizione estero sono eletti con lo stesso sistema attualmente vigente: il disegno di legge non interviene sul punto;

PREMIO DI MAGGIORANZA. sono attribuiti 340 seggi alla lista che ottiene, su base nazionale, almeno il 40 per cento dei voti validi;

BALLOTTAGGIO. nel caso in cui nessuna litsa raggiunga il 40% dei consensi si procede a un turno di ballottaggio tra le due con il maggior numero di voti, è esclusa ogni forma di collegamento tra liste o di apparentamento tra i due turni di otazione;

SOGLIA DI SBARRAMENTO. accedono alla ripartizione dei seggi le liste che ottengono, su base nazionale, almeno il tre per cento dei voti validi;

PARITA’ DI GENERE. in ciascuna lista i candidati sono presentati in ordine alternato per sesso, i capolista dello stesso sesso non eccedono il sessanta per cento del totale in ogni circoscrizione, nessuno può essere candidato, in più collegi, neppure di altra circoscrizione, salvo i capolista nel limite di dieci collegi. L’elettore può esprimere fino a due preferenze, per candidati di sesso diverso tra quelli che non sono capolista;

CAPILISTA BLOCCATI E POI PREFERENZE. sono eletti prima i capolista nei collegi, quindi i candidati che hanno ottenuto il maggior numero di preferenze;

VOTO STUDENTI ERASMUS. La legge da la possibilità agli elettori temporaneamente all’estero (in particolare gli studenti Erasmus e i militari impegnati nelle missioni) di votare per corrispondenza nella Circoscrizione estero.

COLLEGI ELETTORALI. i collegi elettorali sono determinati con decreto legislativo da emanare entro cinque mesi e secondo i principi e i criteri direttivi stabiliti dalla presente legge;

NORMA ANTI-FLIPPER. La norma prevede un meccanismo di ripartizione dei seggi eccedentari che tutela anche le liste minori. Nel nuovo testo approvato al Senato la lista che ha raccolto più voti (eccedentari) cede il seggio a quella più piccola dove questa ha raccolto più consensi.

STATUTO OBBLIGATORIO. con un emendamento approvato quasi all’unanimità dall’assemblea di palazzo Madama l’Italicum prevede che per presentare la propria lista alle elezioni sarà necessario depositare anche uno Statuto;

CLAUSOLA DI SALVAGUARDIA. la nuova legge elettorale entra in vigore a decorrere dal primo luglio 2016.

(Fonte:Askanews)

Comments are closed.