DIETA MEDITERRANEA-Forum: verso brand e fondazione

RIFIUTI-Giacimenti urbani: il riciclo è anche chic

14 novembre 2014 Comments (0) Dalla home page

INVERNO-Cambio gomme: da sabato. Oppure catene a bordo

All’inizio dell’inverno ogni automobilista deve programmare la manutenzione dell’auto e predisporla ad affrontare l’inverno nel modo giusto. Il primo e piu importante accorgimento e sicuramente quello di dotare il veicolo di pneumatici invernali: nella stagione fredda, la strada e meno sicura perche spesso bagnata, brinata, ghiacciata o innevata, quindi il livello di aderenza dei pneumatici al fondo stradale e inferiore. “E’ bene programmare ora la sostituzione dei nostri pneumatici- afferma Fabio Bertolotti, direttore di Assogomma – cosi da essere pronti per tempo ad affrontare la stagione invernale nel rispetto delle Ordinanze che saranno operative a partire dalla meta di novembre, salvo possibili anticipazioni in relazioni alle condizioni climatiche che si sono gia preannunciate con le prime nevicate fuori stagione. E’ una buona regola che consentira di evitare lunghe attese, di avere un servizio accurato e di ottimizzare la spesa in caso di nuovi acquisti”.

Ormai quasi il 25% del parco circolante della nostra Penisola, cioe una vettura su quattro, e dotata del doppio treno di gomme. Un gran numero, ma ancora molto lontano rispetto alla Germania in cui il doppio treno estivo/invernale e la regola, un Paese sostanzialmente privo di montagne dove le temperature sono mediamente solo di 1° inferiori a quelle italiane durante i mesi freddi. L’ampia diffusione dei pneumatici invernali, ormai riconosciuti come primo elemento di sicurezza attiva, impone agli automobilisti di programmare con il proprio gommista il cambio gomme o l’acquisto di un nuovo treno, in tempo utile per l’arrivo del freddo, e prima dell’entrata in vigore delle Ordinanze d’obbligo che interessano praticamente quasi tutto il nostro territorio.

Confronto_spazio_frenata

Da un punto di vista economico, e stato dimostrato che l’utilizzo di un doppio treno di gomme e sostenibile, cioe non costituisce un aggravio di costi per l’automobilista. Infatti uno studio del Politecnico di Torino ha confermato che l’utilizzo del doppio treno e un’anticipazione di spesa che, considerato l’intero ciclo di vita della nostra vettura, rappresenta un risparmio, non solo in termini assoluti, ma anche relativi. Infatti quando sono montati i pneumatici invernali gli estivi sono “a riposo” e quindi non si consumano e viceversa. La sostituzione periodica delle gomme inoltre consente il loro controllo ed il ripristino della corretta pressione di gonfiaggio, ottimizzando cosi sia il consumo dei pneumatici stessi che quello relativo al carburante. A cio si aggiungono gli evidenti effetti benefici sulla sicurezza stradale: la nostra vettura sara sempre pronta ad affrontare qualsiasi situazione critica, tipica della stagione fredda, senza doversi fermare, scendere dalla vettura e mettere a repentaglio anche la propria incolumita.

E’ ormai noto che in Italia gli enti proprietari o gestori delle strade possono emanare Ordinanze che vincolano la circolazione stradale in inverno a condizione che vengano montati pneumatici invernali ovvero abbiano a bordo dispositivi antisdrucciolevoli.
Lo scorso anno questi provvedimenti hanno interessato 53 su 110 Province, centinaia di Comuni e la stragrande maggioranza dei tratti autostradali coprendo cosi tutte le Regioni d’Italia.

E’ bene ricordare che, come previsto da una Direttiva Ministeriale specifica, le Ordinanze hanno inizio il 15 novembre e terminano il 15 aprile. E’ possibile montare pneumatici invernali (M+S) o pneumatici estivi entrambi con le caratteristiche riportate nella carta di circolazione. In quest’ultimo caso e necessario avere a bordo dispositivi di aderenza adatti ai pneumatici montati, ovvero catene. In deroga all’anzidetta regola generale, e possibile montare pneumatici invernali con codici di velocita inferiori a quanto indicato in carta di circolazione fino ad un minimo di “Q” (160 Km/h). In tale caso, sara cura del rivenditore specialista applicare una targhetta monitoria che indichi la velocita massima consentita, ricordando cosi visivamente all’automobilista di rispettare sempre tale limite.

La circolazione stradale con pneumatici invernali in deroga alla regola generale e consentita a partire dal 15 ottobre e sino al 15 maggio, ovverosia un mese aggiuntivo sia all’inizio che al termine del periodo di vigenza delle Ordinanze. Tutto cio per consentire l’effettuazione del montaggio/smontaggio ed essere in regola con le leggi vigenti.

Presso i gommisti specializzati e in distribuzione a partire dalla fine del mese di settembre un depliant informativo che fornisce informazioni di dettaglio per trascorrere “Un inverno in sicurezza ed in regola”. Tale depliant e stampabile anche dal sito www.pneumaticisottocontrollo.it dove, come ormai consuetudine, e stata creata un’apposita “Area ordinanze”, in cui e possibile scaricare le Ordinanze vigenti sul territorio italiano. E’ un servizio gratuito, il piu completo possibile, come tutte le altre informazioni disponibili sul sito sopra indicato. Prima di lunghi viaggi e comunque sempre opportuno informarsi presso gli organi di pubblica sicurezza circa eventuali ulteriori limitazioni al traffico.

Infine, sul sito www.pneumaticisottocontrollo.it tutte le informazioni su Assogomma e le attivita svolte nel corso di questi anni nonche, dal 15/11, l’elenco delle ordinanze che, di volta in volta, verranno emanate. Assogomma, Gruppo Produttori Pneumatici, e una associazione che da oltre 15 anni, con il brand Pneumatici Sotto Controllo, www.pneumaticisottocontrollo.it e impegnata in campagne di informazione per la sensibilizzazione e la conoscenza del pneumatico ai fini della sicurezza stradale. Da anni collabora con Ministero degli Interni, Servizio Polizia Stradale, Unasca, Aniasa, Aci, Ania e Aiscat per parlare di sicurezza stradale abbinata ai pneumatici, unico punto di contatto tra asfalto e veicolo che spesso viene trascurato e che se controllato periodicamente consente di viaggiare sicuri.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.