LAVORO-Unioncamere: in Italia, ai giovani under 30 riservate 2...

IMPRESE-Premio “Di padre in figlio”: è Gian Luca Rana...

30 novembre 2015 Comments Off on INTERNAZIONALIZZAZIONE-Metro di Lima: finalizzata linea di credito da 800 milioni di dollari, garantita da SACE Dalla home page

INTERNAZIONALIZZAZIONE-Metro di Lima: finalizzata linea di credito da 800 milioni di dollari, garantita da SACE

La linea di credito andrà a sostegno delle commesse assegnate al consorzio Metro Lima 2, partecipato dalle italiane Ansaldo STS, Hitachi Rail Italy  e Salini Impregilo, per un progetto del valore complessivo di 5,5 miliardi di dollari.

A un mese dalla missione governo-imprese in Perù guidata dal Presidente del Consiglio, Matteo Renzi, Cassa depositi e prestiti, SACE, Simest, KfW IPEX-Bank, Banco Santander, Société Générale e ICO annunciano la finalizzazione di una linea di credito da 800 milioni di dollari, interamente garantita da SACE, destinata alla realizzazione della nuova linea della metropolitana di Lima-Callao ad opera del consorzio Metro Lima 2, di cui sono parte le italiane Ansaldo STS, Hitachi Rail Italy e Salini Impregilo.

La linea di credito sarà erogata da Cassa depositi e prestiti (290 milioni di dollari), da KfW IPEX-Bank, Banco Santander e Société Générale (ciascuna per 150 milioni di dollari) e ICO (60 milioni di dollari), e beneficerà dell’intervento di stabilizzazione del tasso di interesse da parte di Simest.

L’operazione ha un elevato valore strategico per il Sistema Italia e s’inserisce nell’ambito di un più ampio piano d’investimenti infrastrutturali del Ministero dei Trasporti e delle Comunicazioni del Perù, che ha affidato a un consorzio d’imprese peruviane, spagnole e italiane la costruzione, gestione e manutenzione per 35 anni di ben 35 chilometri di linea metropolitana, 35 stazioni con relative opere elettromeccaniche e 42 treni senza conducente di ultima generazione, per un valore complessivo di 5,5 miliardi di dollari.

I lavori consentiranno il rafforzamento della Linea 2 della metropolitana tra Lima e Callao, città localizzata nell’area occidentale di Lima dove ha sede l’aeroporto internazionale Jorge Chavez e il più grande e importante porto del Perù, e l’ampliamento della Linea 4. Il progetto contribuirà a ridurre il traffico automobilistico e a incoraggiare l’uso del trasporto pubblico, riducendo in maniera significativa gli impatti ambientali nella zona di Lima.

Questa operazione conferma il crescente interesse verso un mercato ad alto potenziale come il Perù. Il Paese esprime un’elevata capacità d’investimento in progetti infrastrutturali all’avanguardia e fa registrare performance economiche tra le più dinamiche dell’America Latina, con tassi di crescita del Pil superiori al 5% medio annuo registrati nell’ultimo decennio e attesi anche per i prossimi cinque anni.

Gli istituti di credito e SACE sono stati assistiti da Chadbourne&Parke, Miranda e Clifford Chance in qualità di advisor legali. Gli sponsor del progetto sono invece stati assistiti da DLA Piper e Garrigues in qualità di advisor legali e da Astris Finance in qualità di advisor finanziario.

 

 

Profili

Cassa depositi e prestiti (CDP) è una società per azioni a controllo pubblico, che  gestisce il risparmio postale italiano, la la sua principale fonte di raccolta. CDP impiega le sue risorse secondo la sua missione istituzionale a sostegno della crescita del Paese finanziando gli investimenti della Pubblica Amministrazione, lo sviluppo infrastrutturale, il sistema produttivo.

SACE offre servizi di export credit, assicurazione del credito, protezione degli investimenti all’estero, garanzie finanziarie, cauzioni e factoring. Con € 74 miliardi di operazioni assicurate in oltre 189 paesi, SACE sostiene la competitività delle imprese in Italia e all’estero, garantendo flussi di cassa più stabili e trasformando i rischi di insolvenza delle imprese in opportunità di sviluppo.

SIMEST è la finanziaria pubblico – privata che sostiene lo sviluppo delle imprese italiane impegnate a realizzare progetti di internazionalizzazione. Può acquisire partecipazioni nelle imprese all’estero, fuori dell’UE, fino al 49% del capitale sociale, sia investendo direttamente che attraverso il fondo di Venture Capital. Dal 2011 può acquisire  partecipazioni fino al 49% del capitale sociale di imprese italiane o loro  controllate nell’Unione Europea. Gestisce inoltre incentivi per le attività di internazionalizzazione e fornisce servizi di assistenza tecnica e consulenza professionale. 

 

Comments are closed.