WELFARE AZIENDALE-Ricerca ASAM – Assiteca: sanità, food, famiglia e...

VERONAFIERE-50° Vinitaly: Danese, previsti 8 mln di investimento per...

3 dicembre 2015 Comments Off on INTERNAZIONALIZZAZIONE-Iran: SACE firma accordi con tre principali banche private Approfondimenti

INTERNAZIONALIZZAZIONE-Iran: SACE firma accordi con tre principali banche private

Nel corso della missione Governo-imprese in Iran, SACE ha firmato tre accordi di collaborazione con le principali banche private iraniane – Bank Pasargad, Bank Parsian e Saman Bank – con l’obiettivo di facilitare una più rapida ed efficace ripresa dell’interscambio e degli investimenti italiani nel Paese, una volta raggiunto il traguardo dell’implementation day.

“Si sta aprendo una nuova era per le relazioni economiche con l’Iran, grazie agli importanti passi compiuti in sede internazionale – ha dichiarato il Presidente di SACE, Giovanni Castellaneta (nella foto), già Ambasciatore d’Italia a Teheran e Washington -. SACE è pronta a fare la sua parte per aiutare le imprese italiane a coglierne tutto il potenziale, non appena il quadro normativo lo consentirà, e gli accordi firmati oggi vanno proprio in questa direzione”.

In base ad essi, SACE e le banche intendono attivare una collaborazione, compatibilmente con la regolamentazione applicabile e il ripristino del sistema dei pagamenti, per identificare progetti di breve e medio-lungo termine di mutuo interesse e per sviluppare le strutture assicurativo-finanziarie più adatte a supportarli. L’expertise maturata negli anni dalle tre banche nel sostegno alle importazioni consentite, anche da parte di aziende di piccola e media dimensione, costituisce un importante valore aggiunto degli accordi.

Il set d’intese conferma l’impegno di SACE al fianco delle imprese italiane in un mercato complesso come l’Iran, caratterizzato da elevati profili di rischio, ma capace di offrire, in prospettiva, un elevato potenziale di business per il nostro Paese. Secondo le stime di SACE, la cessazione del quadro sanzionatorio potrebbe infatti portare a un incremento dell’export italiano nel Paese di quasi 3 miliardi di euro entro il 2018, con le migliori opportunità nei comparti della meccanica strumentale, dell’oil&gas e dei trasporti.

 

Comments are closed.