TRASPARENZA-Chi aspira a un seggio al Parlamento europeo si...

SI(CUREZZA-Privacy, il 47% dei siti dei comuni italiani è...

10 aprile 2019 Comments Off on INNOVAZIONE-MEETing, primo incontro dei centri di cultura digitale Dalla home page

INNOVAZIONE-MEETing, primo incontro dei centri di cultura digitale

400 persone, 12 istituzioni provenienti da 10 paesi europei insieme a Milano per discutere le tendenze della creatività digitale internazionale. Sono questi gli ingredienti di MEETing, primo incontro dei centri di cultura digitale che si è tenuto oggi, venerdì 5 aprile, negli ambienti in trasformazione di MEET in piazza Oberdan.

 

Ideata e promossa da MEET, centro di cultura digitale di Meet the Media Guru con Fondazione Cariplo, l’iniziativa ha offerto una ricognizione del digitale come linguaggio di ricerca artistica attraverso storie e progetti in arrivo da Austria, Belgio, Francia, Germania, Lettonia, Paesi Bassi, Polonia, Spagna e Svizzera, a cui va aggiunta l’Italia padrona di casa.

 

Al MEETing hanno partecipato:

 

  • ARS ELECTRONICA, Linz – Austria
  • BALTAN, Eindhoven – Paesi Bassi
  • BOZAR, Bruxelles – Belgio
  • ETOPIA, Saragozza – Spagna
  • GLUON, Bruxelles – Belgio
  • IRCAM | CENTRE POMPIDOU, Parigi – Francia
  • LAZNIA, Danzica – Polonia
  • LE CUBE, Parigi – Francia
  • MuDA, Zurigo – Svizzera
  • PUBLIC ART LAB, Berlino – Germania
  • RIXC, Riga – Lettonia
  • ZKM, Karlsruhe – Germani

 

Hanno aperto i lavori di MEETing l’Assessore alla Cultura di Milano Filippo Del Corno; il Direttore Politiche dei Media della Commissione Europea Giuseppe Abbamonte; Fabrizio Paschina, Responsabile direzione e comunicazione immagine Intesa Sanpaolo; il Presidente di Fondazione Cariplo Giuseppe Guzzetti;  la Fondatrice e Presidente di MEET, Maria Grazia Mattei.

 

In una carrellata che ha attraversato molte latitudini e diverse longitudini d’Europa, a MEETing c’è stato modo di conoscere MuDA, il primo e unico Museo di Arte Digitale con sede a Zurigo, la cui programmazione è affidata ad un algoritmo capace di scandagliare la Rete per trovare gli artisti e le opere migliori senza cadere in pregiudizi o bias culturali di cui uno sguardo umano può essere vittima.

 

Al MEETing si sono ascoltati i progetti di ricerca sugli strumenti aumentati, l’acustica e la musica elettronica portati avanti da IRCAM Centre Pompidou, le best practise di Public Art Lab e Etopia specialisti della Media Art applicata agli spazi pubblici delle città e si sono celebrati i 40 anni di Ars Electronica, istituzione decana della cultura digitale europea, nata a Linz nel 1979 come Festival e diventata un ecosistema economico chiave per tutto il territorio afferente alla città austriaca.

 

Non è mancato un approfondimento sulla formazione e disseminazione della creatività digitale che ha visto protagonisti Le Cube e RIXC, mentre Laznia e ZKM hanno raccontato le evoluzioni necessarie a trasformare un polo espositivo museale “classico” in uno spazio capace di condividere con i propri visitatori gli elementi simbolici ed espressivi dell’era digitale.

 

Infine Baltan e Gluon con Bozar hanno tracciato il proprio identikit di laboratori trandisciplinari capaci di mettere in relazioni artisti, scienziati, ingegneri, filosofi e piccole medie imprese desiderose di abbracciare le opportunità offerte dall’interazione fra arte e tecnologia.

 

Le scheda di presentazione dei singoli centri si trovano nella cartella Google Drive accessibile al link: http://bit.ly/MEETing

 

«Con MEETing abbiamo portato a Milano dodici realtà d’eccellenza della cultura digitale, mettendo il nostro paese al centro di un network importante che solo in Europa conta oltre 40 organizzazioni operative in questo settore. I centri che hanno partecipato all’incontro di oggi dimostrano come la creatività digitale produca impatto sociale ed economico. Chi fa innovazione a Milano e in Italia deve conoscere questo contesto e MEET è ben felice di costituirsi come interfaccia nel nostro paese. Da Nord a Sud, da Est a Ovest del nostro continente, i linguaggi creativi abilitati dal digitale accrescono la consapevolezza delle persone nell’impatto con le tecnologie a partire da una comunicazione emozionale, empatica, “calda” che non fa paura. La bellezza e l’espressività possono scaturire anche da un codice binario. Visto l’entusiasmo generato da questo primo MEETing, mi sento di dire che c’è spazio per una seconda edizione, ancora più ampia. MEET è e sempre più sarà la casa italiana della grande famiglia della creatività digitale internazionale» ha dichiarato Maria Grazia Mattei, Fondatrice e Presidente di MEET.

 

Giuseppe Guzzetti, Presidente Fondazione Cariplo, ha dichiarato: «Oggi, tra le numerose povertà che ci troviamo di fronte, c’è una povertà culturale nei confronti della trasformazione che il digitale ha prodotto e sta producendo. Ciò determina distorsioni legate all’analfabetismo che sfociano nell’improvvisazione. La povertà culturale, e per certi versi anche strutturale, non consente di utilizzare a pieno le potenzialità che il digitale offre per lo sviluppo economico e per la crescita delle persone.  Per questo Fondazione Cariplo ha creduto e crede nella necessità di far nascere una nuova iniziativa come MEET, il centro internazionale per la cultura digitale. Creatività, inclusione sociale, opportunità per i giovani. Milano ha dimostrato di saper cogliere le sfide della modernità, rinnovandosi rispetto al suo passato industriale e confermando il suo ruolo centrale nell’economia del Paese. E’ giusto che anche dal punto di vista culturale Milano si faccia promotrice di un progetto innovativo che porti l’Italia all’attenzione dell’Europa e del mondo».

 

Filippo Del Corno, Assessore alla Cultura di Milano, ha affermato: « Nella sua storia Milano ha conosciuto moltissimi momenti di incontro fra sviluppo della tecnologia e pensiero creativo. Lo sviluppo di uno spazio interamente votato alla cultura digitale prosegue in questa direzione, grazie a Fondazione Cariplo. Il nostro ruolo come amministrazione pubblica è accompagnare lo sviluppo più possibile coeso e coordinato di una proposta culturale coerente e fedele con la storia di Milano».

 

Giuseppe Abbamonte, Direttore per le Politiche dei Media, Commissione Europea ha commentato: « L’esperienza di MEET rispecchia le crescenti sinergie tra settori culturali e creativi e tecnologie digitali. Anche la Commissione europea – con strumenti che vanno da Europa Creativa ai progetti di Horizon 2020, al sostegno a STARTS  – è impegnata a favorire l’incontro tra tecnologia e cultura. Il fattore umano dev’essere al centro di tale connessione. È in primo luogo ai bisogni umani che la tecnologia deve rispondere, e le donne e gli uomini hanno bisogno di cultura, hanno bisogno di bellezza, hanno bisogno dell’arte in tutte le sue forme: sia analogiche che digitali».

 

Fabrizio Paschina, Responsabile direzione e comunicazione immagine Intesa Sanpaolo, ha affermato: «Il Gruppo è fortemente impegnato nel favorire la digitalizzazione dei servizi, con l’obiettivo di anticipare le esigenze dei propri clienti e migliorare la loro esperienza nel rapporto con la Banca. Ma il tema dell’innovazione e del digitale è innanzitutto culturale e richiede un cambiamento di prospettiva e abitudini da parte di tutti i cittadini. Da questo punto di vista, l’Italia è ancora in ritardo rispetto ad altri Paesi: secondo la classifica DESI in Europa siamo solamente al 25° posto sulla digitalizzazione dell’economia e della società. Per questo, dopo essere stati per la seconda volta main sponsor della Milano Digital Week, abbiamo ritenuto fondamentale dare il nostro sostegno ad un’iniziativa di rilievo come quella di MEET e Fondazione Cariplo che coniuga due aspetti fondamentali per Intesa Sanpaolo, ovvero la cultura e l’innovazione. Riteniamo, infatti, indispensabile un momento di riflessione e confronto, anche a livello internazionale, su quello che è un fenomeno culturale prima ancora che tecnologico in cui tutti i cittadini devono essere coinvolti».

 

Per l’attiva collaborazione a MEETing si ringraziano: Compagnia Ariella Vidach AiEP; Assimpredil; Consorzio Prosecco Doc; Fastweb; Fondazione Cineteca Italiana; Universal Robots; Way.

 

***

MEET (www.meetcenter.it) è il centro internazionale per la Cultura Digitale di Milano promosso da Meet the Media Guru con Fondazione Cariplo con la missione di contribuire a colmare il divario digitale nel nostro Paese, nella convinzione che l’innovazione sia un fatto culturale, prima ancora che tecnologico e che la diffusione della cultura digitale favorisca non solo la crescita dell’economia, ma anche delle opportunità e del benessere per tutti i cittadini. Nell’autunno 2019 inaugurerà la sua sede nell’ex Spazio Oberdan, riprogettato come ambiente “sense and respond” dall’architetto Carlo Ratti. Main partner di MEET è Intesa Sanpaolo; il centro di cultura digitale è inoltre supportato da Fondazione Fiera Milano, Repower e Sigest. International partner di MEET è George Brown College of Toronto; Academic Partner è Politecnico di Milano.

 

 

Comments are closed.