LAVORO-Jobs act: Calenda, mai detto che bisogna dire addio...

INTERNAZIONALIZZAZIONE-Le esportazioni turche in crescita del 14,8% a febbraio:...

16 marzo 2018 Comments Off on INNOVAZIONE-Maikii compie 10 anni: dall’intuizione dei due soci fondatori a un’azienda che conta oggi 50 dipendenti e 3 sedi estere Dalla home page

INNOVAZIONE-Maikii compie 10 anni: dall’intuizione dei due soci fondatori a un’azienda che conta oggi 50 dipendenti e 3 sedi estere

Le tappe dell’evoluzione, dall’intuizione dei due soci fondatori ad un’azienda che conta oggi 50 dipendenti e 3 sedi estere.

 

  Maikii, azienda attiva nei mercati promozionale e retail con la produzione, personalizzazione e distribuzione di chiavette USB e accessori di elettronica di consumo, annuncia il raggiungimento di un ambizioso traguardo: i 10 anni di storia e di progetti!

 

Maikii nasce nel 2008 grazie all’intuito di Matteo Fabbrini e Francesco Poloniato, due amici trevigiani all’epoca ventiseienni, che hanno saputo intercettare la domanda allora emergente di accessori tecnologici personalizzabili. L’azienda ha il suo quartier generale a Treviso, due sedi commerciali a San Francisco e Hong Kong, ed una fabbrica di produzione a Shenzen, Cina. Fin dai primi anni di attività, Maikii si è distinta per la qualità nella realizzazione di chiavette USB tridimensionali, realizzate in morbido PVC con forma, grandezza e colore su richiesta del committente. Potendo contare su questa solida base produttiva, l’azienda decide di entrare nel mercato retail con la produzione e distribuzione di chiavi USB su licenza, trasformando così un prodotto di uso comune in un oggetto simbolo di originalità, unicità e divertimento: nel 2011 nasce così il marchio Tribe che, grazie al successo immediato delle prime collezioni di chiavette USB, inizia una veloce e progressiva crescita.

 

“Il cambiamento per noi più significativo è stata l’evoluzione dal mondo promozionale al retail: ci siamo trovati a gestire un progetto tutto nuovo che assorbiva gran parte del nostro tempo e della nostra energia: da una parte c’era grande entusiasmo, dall’altra la novità destabilizzava il nostro equilibrio e la nostra routine. Ma il cambiamento ormai era avviato e sarebbe stato più veloce e coinvolgente di quanto pensavamo, e noi ci siamo riadattati, iniziando a lavorare su due divisioni separate.” Raccontano Matteo e Francesco.

 

Ma anche il passaggio da azienda mono prodotto a multi prodotto ha rappresentato un’importante evoluzione. “Abbiamo avuto lungimiranza perché siamo stati i primi a intuire la necessità di ampliare il catalogo con prodotti tech alternativi alla chiavetta USB, e ciò ha richiesto impegno per studiare il mercato e orientare la nostra scelta verso i progetti più adeguati, cosa che peraltro continuiamo a fare anche oggi” aggiunge Fabbrini. Altre due scelte sono state molto importanti per la crescita di Maikii: l’apertura della fabbrica in Cina e degli uffici a San Francisco e Hong Kong. “Nel primo caso – che ritengo uno step fondamentale della nostra evoluzione – abbiamo creato ex novo un’azienda di proprietà in un Paese lontano con una cultura completamente diversa dalla nostra, abbiamo selezionato il team e definito il metodo di lavoro per i nostri nuovi dipendenti. In merito all’apertura degli uffici a San Francisco e Hong Kong, l’attività ha richiesto viaggi esplorativi per visitare le nuove potenziali sedi e precedenti studi di sostenibilità per verificare la bontà delle iniziative che volevamo intraprendere. Sia i dati raccolti al tempo che i risultati raggiunti oggi ci stanno dando ragione”.

 

La chiavetta USB dedicata a BB8 di Star Wars

La storia di un’azienda di successo è fatta anche di intuizioni e di sfide: “L’intuizione più geniale è stata proporre la chiavetta USB ad uso promozionale, un settore inesplorato nel 2008 che ci ha permesso di dominare il mercato e crescere in modo esponenziale anno su anno. Ma un’altra grande intuizione è stata entrare nel settore del licensing con le chiavette USB, inaugurando un’altra nicchia di mercato con un prodotto pressoché inedito nel campo delle licenze.” Inoltre, l’azienda nel tempo ha saputo intercettare e sfruttare anche altre tendenze di mercato, una su tutte Rabito, la cover a forma di orecchie di coniglio di cui Maikii è stata distributore esclusivo per l’Italia per alcuni anni. “Rabito è stato un trend travolgente e noi siamo stati gli artefici della sua diffusione in Italia” continua il CEO, che mette però in evidenza anche le diverse sfide sinora incontrate. “Le sfide per noi più grandi sono sia riuscire a creare e mantenere un parco di clienti fidelizzati che acquistino da noi in modo continuativo, sia gestire il mercato estero che da sempre si dimostra competitivo, ma che abbiamo saputo sfruttare al meglio: basti pensare che nel 2017 abbiamo fatturato 1 milione di euro solo in Francia. Un’altra sfida, questa volta a livello interno, è riuscire a gestire la crescita dell’organico, puntando ad essere sempre aggiornati su competenze e skill nella tecnologia, nel digital e nello sviluppo prodotto.”

 

Maikii, durante questi primi 10 anni di vita, ha raggiunto risultati importanti ed è stata in grado di distinguersi in un settore altamente competitivo grazie alla propria flessibilità, una caratteristica prettamente italiana. “Sappiamo di poter accettare qualunque tipo di sfida e, guardando a quello che abbiamo già realizzato, di sapere fare praticamente tutto: siamo pragmatici e nulla ci spaventa” racconta Fabbrini. E continua: “Siamo inoltre in grado di cogliere al volo le opportunità in quanto la nostra è una struttura agile che ci consente di essere tempestivi sul mercato”.

 

Questo anniversario è una preziosa occasione per rivedere le tappe della storia di Maikii e, forse per la prima volta, ci si rende conto di quanto l’azienda sia andata oltre l’obiettivo iniziale di due amici che volevano semplicemente creare insieme qualche cosa. Attualmente l’azienda conta 50 dipendenti, gestisce ordini promozionali in tutto il mercato europeo e USA e distribuisce accessori in licenza in tutto il mondo grazie agli accordi stretti nel tempo con alcuni dei principali player del settore tra cui Disney, Warner Bros, HBO, e molti altri. “Gestiamo mercati difficili per definizione – elettronica di consumo, licensing e retail – quindi il nostro successo è ancora più degno di nota. É doveroso condividere i meriti con tutte le persone che lavorano con noi, per le quali ci impegneremo a garantire sempre un clima aziendale sereno e stimolante, dove poter crescere professionalmente e umanamenteconclude Fabbrini che si pone come obiettivo da qui ai prossimi dieci anni una crescita continua ed equilibrata, non solo in termini di fatturato ma soprattutto di organico.

 

Per Informazioni:

www.maikii.com

www.tribe-tech.com

 

Comments are closed.