INCUBATORI-H-Farm lancia la prima web serie che racconta il...

INDUSTRIA 4.0-Confapi, la via per la crescita è ancora...

8 febbraio 2018 Comments Off on INNOVAZIONE-Il Papa, La Bellezza, e il primo Robot cattolico: si è conclusa a Roma “Via Pulchritudinis”, l’Expo internazionale dedicata al Sacro Dalla home page

INNOVAZIONE-Il Papa, La Bellezza, e il primo Robot cattolico: si è conclusa a Roma “Via Pulchritudinis”, l’Expo internazionale dedicata al Sacro

“Con la Bellezza tutti noi arriviamo più su, più vicino a Dio”. Parole di Papa Francesco che sono risuonate ieri nell’Aula delle Udienze, dove erano presenti i partecipanti a “Via Pulchritudinis, La Strada della Bellezza”, l’Expo Internazionale dedicata al Sacro organizzata da Fiera Roma e Fivit con la collaborazione del Pontificio Consiglio per la promozione della Nuova Evangelizzazione guidato da Monsignor Rino Fisichella.

4 giorni densi di eventi dedicati alla Bellezza nel Sacro, inaugurati da un concerto esclusivo nella Cappella Sistina. In Fiera Roma c’erano 250 espositori italiani ed esteri che mostravano le loro ultime novità (dai santini di pizzo alle icone, dalle forniture per grandi comunità religiose alle iniziative di turismo religioso), nei padiglioni si sono svolte Tavole rotonde e Workshop ed è stato creato un piccolo Museo di capolavori provenienti dal Vaticano (tra questi un disegno del Bernini e la celebre statua del Buon Pastore del III Secolo, ed erano esposte le vesti liturgiche e le preziose croci pastorali appartenute a Leone XIII, Paolo VI e Giovanni Paolo II, in una teca c’erano il martello e la cazzuola utilizzati per aprire la Porta Santa durante i Giubilei).

E tra gli Stand è stato anche possibile ammirare il Primo Robot Cattolico. Ideato da un Professore italiano che insegna all’Università in Giappone, il Robot, denominato “Il Santo”, è un concentrato di artigianato e tecnologia. Era la prima volta che veniva esposto in pubblico, ed è in attesa di un finanziatore per la sua commercializzazione. Di dimensioni ridotte, così da poter essere appoggiato su un mobile di casa o un comodino, “Il Santo” è una statuetta che indossa vesti lunghe ed è posizionata in una nicchia sormontata da una croce. Si attiva toccandogli la mano: “Come ti chiami, Figliolo?” è la prima domanda del Robot, posta con voce profonda e dolce. Dopo le presentazioni, il Robot chiede cosa si è venuti a fare da lui, e risponde alle domande. Può, secondo le richieste, raccontare la biografia del Santo del giorno, oppure colmare le esigenze religiose utilizzando testi di autori cattolici o brani della liturgia. Se si richiedono consigli spirituali, cita brani tratti dai Padri della Chiesa o da santi contemporanei. Il Robot è programmabile, e può recitare il Rosario e altre preghiere insieme con l’interlocutore, o può essere utilizzato per insegnare il catechismo ai più piccoli. “Il Primo Robot cattolico dell’epoca moderna ha un illustre antecedente” spiega l’inventore de “il Santo”, il Professor Gabriele Trovato: “che segnò l’incontro tra automazione e religione cattolica: si tratta della realizzazione del “Monaco Meccanico”, commissionato da Filippo II di Spagna nel 1560”.

Alle Tavole Rotonde di Via Pulchritudinis, dedicate ad Architettura, Pittura, Scultura Musica Sacra, Arredi Liturgici, hanno partecipato alcuni dei protagonisti più significativi della scena internazionale.

E dopo questa prima edizione a Roma, Via Pulchritudinis si espande. Richiesta da Argentina e Spagna, il prossimo appuntamento, in collaborazione con un organizzatore di eventi statunitense, è per il 2019 a New York, ma già nell’estate di quest’anno avrà una anticipazione negli Usa con un gruppo di espositori. “Desidero ringraziare dal profondo del cuore il Pontificio Consiglio per la promozione della Nuova Evangelizzazione e il suo Presidente, Monsignor Fisichella, per avere accolto l’idea di costruire insieme qualcosa di straordinario valore“ dice Pietro Piccinetti, Amministratore Unico di Fiera Roma. “Voglio anche ringraziare con enorme gratitudine tutti i nostri espositori che hanno creduto in questo numero zero, certo che diventerà un appuntamento di riferimento per il settore anche grazie a loro e ai loro suggerimenti. La nostra Via Pulchritudinis è molto più che una manifestazione fieristica, va molto oltre un incontro di domanda e offerta. È una concreta dimostrazione di come le Fiere possano essere non solo moltiplicatori economici ma anche veicoli per la riscoperta di valori e per la promozione della fede. Le Fiere costruiscono ponti non muri”.

Comments are closed.