MADE IN ITALY-Presentata nuova versione “Italy The Extraordinary Commonplace”:...

STARTUP-Unfraud: il software che “pensa come noi” e sventa...

28 maggio 2015 Comments Off on INNOVAZIONE-DirectaPlus: nanotecnologie per l’ambiente e grafene che assorbe gli idrocarburi Dalla home page

INNOVAZIONE-DirectaPlus: nanotecnologie per l’ambiente e grafene che assorbe gli idrocarburi

Il prima sperimentazione è avvenuta in Romania, in un laghetto in un’area dismessa di una raffineria nell’ambito del progetto Genius, co-finanziato dalla Comunità europea.

La presentazione dei risultati nel corso del “Best of Eco-innovation: project success stories”

La presentazione dei risultati nel corso del “Best of Eco-innovation: project success stories”

I risultati sono stati presentati il 20 e il 21 maggio a Barcellona, in occasione di “Best of Eco-innovation: project success stories” da Giulio Cesareo , presidente e amministratore delegato della società, e dal coo Razvan Popescu.

GEnIuS (Graphene Eco Innovative Sorbent), progetto di successo nel campo dell’innovazione ecologica è stato selezionato dalla Commissione Europea tra i 5 migliori progetti eco-innovativi, ha come obiettivo quello di introdurre nel mercato Grafysorber, un prodotto oleo-adsorbente innovativo, altamente performante ed ecologico a base di grafene, il materiale del futuro per la risoluzione delle problematiche di inquinamento da idrocarburi delle acque.

Il grafene, definito come “il materiale delle meraviglie”, è stato scelto dall’Unione Europea come la tecnologia strategica dei prossimi dieci anni. Le applicazioni future dei materiali a base di grafene sono attualmente oggetto di studio sia da parte del modo accademico che di quello industriale. La maggior parte di queste ricerche sono condotte a livello di laboratorio e non sono ingegnerizzabili a causa dell’impossibilità di conciliare la produzione di grandi quantitativi di materiali a base di grafene con la qualità degli stessi.

Inoltre i processi produttivi attualmente esistenti sono molto costosi e non integrabili ai processi industriali esistenti. In Italia Directa Plus ha sorpassato queste problematiche sviluppando e brevettando un processo economico, semplice e scalabile (Processo G+) in grado di produrre differenti tipologie di nanomateriali a base grafene.

Le Officine del grafene

Le “Officine del Grafene”

Il materiale è stato realizzato da DirectaPlus nei laboratori del parco scientifico tecnologico ComoNext, in Lombardia nelle “Officine del Grafene”, il più grande impianto europeo per la generazione di fogli di grafene altamente puro, basato su una tecnologia brevettata e approvata. A inaugurare il nuovo centro industriale è Directa Plus, azienda tecnologica fondata nel 2005 che ha per obiettivo lo sviluppo di processi per la produzione di nanomateriali di nuova generazione.

La carta vincente di Directa Plus nel suo approccio al grafene è stata quella di considerare l’intero percorso che porta alla realizzazione del materiale, ottenendo di fatto, per ogni tappa, prodotti diversi con differenti caratteristiche e possibilità di applicazione: dal Basic sperimentato all’interno di speciali luci al led; al Liquid ideale, tra le altre, per le applicazioni in campo tessile; fino al Pure, materiale ad altissimo potenziale già impiegato negli pneumatici.

 

Comments are closed.