AREE DISMESSE-Rroadshow #Zerobrownfield – Alleanza tra ambiente e urbanistica:...

LINK CAMPUS UNIVERSITY- MPA (Master per la PA):sono 65...

30 settembre 2016 Comments Off on INNOVAZIONE-Aperta stamani la terza edizione di DRONITALY: presentati al pubblico i risultati del secondo “Osservatorio Doxa sull’industria dei droni in Italia”, da cui emergono chiari e interessanti segnali di vitalità e rifocalizzazione del settore News

INNOVAZIONE-Aperta stamani la terza edizione di DRONITALY: presentati al pubblico i risultati del secondo “Osservatorio Doxa sull’industria dei droni in Italia”, da cui emergono chiari e interessanti segnali di vitalità e rifocalizzazione del settore

L’industria dei droni lancia importanti segnali di crescita e rifocalizzazione, dimostrandosi attrattiva e vitale grazie a nuove società, alla riduzione delle aziende produttrici, al raddoppio di quelle consumer, all’aumento medio degli addetti e a un business ormai vicino ai livelli record del 2013, preregolamento, nonostante il sentiment contrastato da parte di alcuni osservatori. È quanto emerge dall'”Osservatorio sull’industria dei droni“, realizzato da Doxa Marketing Advice e da Mirumir, la società organizzatrice di Dronitaly, la fiera italiana dei droni che ha inaugurato stamani nella nuova cornice di ModenaFiere dove resterà aperta anche sabato 1 ottobre.

L’indagine, giunta alla sua seconda edizione, è stata realizzata su un campione rappresentativo di oltre cinquanta aziende, e, a oggi, rappresenta la “fotografia” del settore più attendibile nel Paese. Secondo Massimo Sumberesi, a capo del dipartimento Doxa Marketing Advice responsabile dell’Osservatorio, “continuano a nascere nuove società (+10% rispetto al 2015), con un fatturato medio delle aziende superiore alle previsioni. Per l’anno in corso si stima una crescita ulteriore, che potrebbe portare la dimensione del business molto vicina ai livelli record di 3 anni fa, con ricadute positive anche dal punto di vista occupazionale”. Fabrizio De Fabritiis, CEO Dronitaly, aggiunge che “I dati dell’Osservatorio smentiscono il pessimismo che si era diffuso nel settore quest’anno. Certamente si delinea un quadro in cui più netta è la differenza tra le aziende che hanno individuato una linea di sviluppo sostenibile, per la maggior parte presenti a Dronitaly e altre che invece sono rimaste ai margini di questo processo di sviluppo”.

I dati completi del secondo “Osservatorio sull’industria dei droni” stati diffusi e commentati questa mattina nel convegno inaugurale di Dronitaly, “Il settore APR verso il 3.0. Formazione, Specializzazione, Legalità“, che ha visto la presenza concomitante dell’On. Paolo Nicolò Romano, M5S, dell’On. Daniele Montroni, PD e dell’On. Francesco Catanoso Genoese, FI, tutti fortemente interessati al sostegno, anche legislativo, di un settore di enorme prospettiva per l’Italia, anche per la ricaduta in termini di posti di lavoro. Commentando l’Osservatorio, l’On. Romano ha dichiarato che “si nota il cambiamento del settore, con l’aumento dei servizi legati ai droni a scapito della produzione: noi, nella nostra proposta di legge, aperta a commenti e critiche del pubblico, stiamo tenendo conto delle osservazioni degli operatori e delle problematiche causate dalla regolamentazione vigente”; l’On. Montroni ha invece detto che “nell’ambito dell’industria 4.0, i droni sono un settore molto interessante e con grandi potenzialità anche occupazionali, benché ancora contenuto nei numeri; stiamo lavorando per cercare di strutturarlo con un dispositivo legislativo semplice, efficace e indirizzato alla crescita”; l’On. Genoese, infine, ha chiosato asserendo che “il settore presenta ottime prospettive ma necessita al più presto di una regolamentazione condivisa, messa a punto da una commissione che coinvolga anche i rappresentanti delle aziende e degli operatori”.

Nel convegno, a cui hanno preso parte anche Fabrizio D’Urso, responsabile Funzione Organizzativa Coordinamento Omologazioni ENAC, e Cristiano Baldoni, responsabile Funzione Comunicazione, Sorveglianza, Meteo e Sistemi di rete ENAV, è stato fatto anche il punto sul quadro regolamentare del volo dei droni in Italia, alla luce della richiesta urgente, da parte delle aziende italiane, di semplificare la normativa vigente rendendola più omogenea allo sviluppo del mercato.

I segnali di crescita e aggiustamento dell’industria italiana dei droni si colgono puntualmente anche tra le aziende presenti a Dronitaly –  più di cinquanta in tutti i comparti dronistici, con molte new entry e una superficie espositiva significativamente incrementata rispetto all’edizione 2015. Osservando le novità, quest’anno si registra un’attenzione particolare degli espositori verso i nuovi modelli e la galassia dei servizi e della vendita di software che ruotano intorno ai droni.

Dronitaly, la più grande fiera italiana di droni, da quest’anno allestita nella più importante location di ModenaFiere, per rispondere agli sviluppi rapidissimi del settore nella due giorni della manifestazione ha organizzato più di venti convegni tematici a disposizione dei professionisti interessati a capire l’evoluzione in atto e a cogliere i trend dei droni alla luce dei servizi che offrono e dei comparti in cui hanno maggiori potenzialità applicative. Nel corso della manifestazione, che durerà fino a sabato 1 ottobre, il focus è rivolto in primo luogo sugli impieghi degli unmanned per l’agricoltura, per la sicurezza, per i periti assicurativi, per le ispezioni edilizie, tecniche e ambientali, che, con l’introduzione della categoria di droni sotto i 300 grammi di stazza, hanno significative possibilità di crescita e affermazione sul mercato.

Fin dalla prima edizione, nel 2014, Dronitaly è sensibile alle nuove tendenze: emblematici in tal senso il seminario sui droni acquatici, comparto di droni emergente, e quello per gli unmanned che stanno rivoluzionando tattiche e strategie del calcio professionistico, con, protagonisti in fiera i droni impiegati dal Calcio Napoli. Accanto ai convegni, spazio anche ai workshop e alle presentazioni delle aziende espositrici, che presenteranno prodotti, servizi e novità applicative nelle due sale allestite all’interno del padiglione PRO.

Ma non è ancora tutto. Considerata l’importanza crescente del settore consumer, Dronitaly 2016 si presenta raddoppiata: accanto all’AREA PRO, la manifestazione presenta per la prima volta l’AREA FUN rivolta a aeromodellisti, hobbisti, sviluppatori, maker, ragazzi e appassionati. La novità si articola in un’area espositiva dove sarà possibile provare e acquistare mezzi, componenti e accessori e in numerosi eventi/iniziative speciali. Il fulcro, nell’ARENA sarà il travolgente FPV Racing Show, un contest di mini-droni allestito nel più grande circuito di volo indoor mai realizzato in Italia. Il VIVAIO, infine, sarà l’area per le attività ludico-didattiche con i droni a disposizione dei più piccoli.

Comments are closed.