SANITA’ – Lazio: Federlazio Salute, allarme per rischio chiusura...

TRASPORTI – Il ministro con l’auto elettrica: spostamenti per...

5 maggio 2014 Comments (0) News

INFANZIA – Save the Children: campagna “Illuminiamo il Futuro” sulla crescente povertà educativa fra bambini e adolescenti italiani

Un nuovo “Indice di Poverta Educativa” per misurare la deprivazione di opportunita formative in Italia, regione per regione. Al via un programma nazionale di intervento a sostegno dei bisogni educativi di bambini e adolescenti nei quartieri piu svantaggiati di alcune citta italiane

Lunedi 12 maggio alle ore 10:00 presso la Sala Monumentale della Presidenza del Consiglio (Largo Chigi 19) si terra la conferenza stampa di lancio della campagna di Save the Children “Illuminiamo il Futuro”: 3 settimane di sensibilizzazione e raccolta fondi fino al 1° giugno per porre l’attenzione sulla crescente poverta educativa fra bambini e adolescenti, strettamente correlata a quella economica, che sta privando i bambini e gli adolescenti, nei quartieri svantaggiati di molte citta italiane, di tutte le opportunita di crescita formativa e culturale.

Durante la conferenza stampa verra presentato il dossier “La lampada di Aladino. Il nuovo indice di Save the Children per misurare le poverta educative”in tutte le Regioni italiane.

Saranno presenti rappresentanti di Save the Children, delle istituzioni politiche, associazioni e aziende partner della campagna, alcuni membri del comitato scientifico che ha supportato l’organizzazione per la creazione dell’innovativo indice (1), alcuni dei ragazzi consultati per la redazione dell’indice e dei testimonial di “Illuminiamo il Futuro”.

Tra l’altro, verra illustrato il programma nazionale che Save the Children ha avviato per il contrasto alle poverta educative e a sostegno dei bisogni educativi di bambini e adolescenti di molte citta italiane.

NOTE:
1) Il Comitato scientifico e composto da Daniela Del Boca (economista), Maurizio Ferrera (sociologo), Marco Rossi Doria (educatore), Linda Laura Sabbadini (statistica), Chiara Saraceno (sociologa).

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.