INTERNAZIONALIZZAZIONE-Italia-Georgia: accordo tra SACE (Gruppo CDP) e il Fondo...

LIBRO-“Proposte per lo sviluppo della Formazione Continua in Italia”...

13 marzo 2017 Comments Off on INCUBATORE CLHUB- Startup Veranu: chude in overbooking il primo round di investimento Dalla home page

INCUBATORE CLHUB- Startup Veranu: chude in overbooking il primo round di investimento

Clhub, venture incubator internazionale con focus sui settori Clean, Agri, IoT e Digital, comunica che Veranu, attiva nell’energy harvesting attraverso la tecnologia di pavimentazione intelligente, ha chiuso con successo il primo round di investimento in equity crowdfunding promosso da Equinvest, con una raccolta in overbooking di euro 184 mila, pari a 2,4x il capitale richiesto.

Giovanni Sanna, co-Fondatore e Presidente di CLHUB: “Intendiamo investire con convinzione in selezionate startup green come Veranu, che ha l’obiettivo di cambiare la concezione del pavimento tradizionale da oggetto passivo a strumento attivo in grado di generare energia attraverso i nostri passi, ma più in generale di sviluppare stili di vita energeticamente sostenibili nel rispetto dell’ambiente e con un’ottica diversa, partendo dalle nostre azioni. La tecnologia green italiana è sempre più apprezzata a livello internazionale e dopo aver superato la selezione regionale, co-organizzata da CLHUB, Veranu è stata selezionata per la finale europea a Bruxelles di StartUp Europe Awards, iniziativa promossa da Commissione Europea, Parlamento Europeo e Startup Europe.”

Riccardo Sanna, co-Fondatore e Amministratore Delegato di CLHUB: “Siamo soddisfatti del continuo successo di Veranu, vincitore della nostra prima “Startup Battle”, che coniuga un’idea vincente con un grande e valido team. La campagna di equity crowdfunding è il frutto della collaborazione strategica fra CLHUB ed Equinvest, finalizzata a garantire un continuo supporto finanziario e di servizi per la crescita di realtà imprenditoriali innovative, e rappresenta il record sulla piattaforma in termini di rapporto tra raccolta e capitale richiesto.”

Alessio Calcagni

Alessio Calcagni

Alessio Calcagni, Amministratore Delegato di VERANU: “Il capitale raccolto sarà destinato allo scale up del team, allo sviluppo della strategia di marketing, all’internazionalizzazione del brand e all’estensione del brevetto a livello globale. Il piano strategico prevede per il 2017 installazioni permanenti presso clienti internazionali che permetteranno alla società di ottimizzare il prodotto, aumentare la conoscenza sul mercato e testare le performance. L’energy harvesting, che include tutti i sistemi di raccolta di energia elettrica pulita da fonti rinnovabili, è la nuova frontiera del mercato energetico: secondo il report “Energy Harvesting System Market” (Marketsandmarkets) è prevista una crescita da USD 268,6 milioni nel 2015 a USD 974,4 milioni nel 2022, a un CAGR 2016-2022 pari a +19,6%. Il fattore che guida il mercato include la domanda verso nuove fonti sicure e durevoli di energia, l’implementazione estensiva delle tecnologie IoT per automazione e il crescente numero di iniziative a supporto dell’ambiente da parte dei governi a livello internazionale.”

VERANU

Veranu ha sviluppato una soluzione innovativa a elevato valore aggiunto per la pavimentazione 2.0 che converte, per effetto piezoelettrico, l’energia cinetica dei passi in energia elettrica pulita. La soluzione Veranu, che include servizi Internet of Things (IoT), è di facile installazione e si integra perfettamente con ogni tipo di pavimentazione tradizionale poiché si colloca al di sotto, direttamente sul massetto, o sul pavimento già esistente, diventando invisibile agli utilizzatori. Questa proprietà permette l’applicazione anche in zone urbane senza deturpare l’urbanistica. Le prestazioni di Veranu sono elevate: con un solo passo si può erogare fino a 2 W di potenza; sono sufficienti 20 passi per accendere un lampione a luci LED in una piazza e 10.000 per ricaricare interamente la batteria di uno smartphone (energia media 11.5 Wh). La tecnologia è realizzata con materiali riciclati che abbattono le emissioni di CO2, riducono i costi di produzione e rispondono al fabbisogno energetico dei clienti finali, principalmente aziende pubbliche e private con aree di transito o spazi di aggregazione (piazze, aeroporti, stazioni di treni/bus e uffici). Per ottimizzare il prodotto, vengono implementati componenti IoT sviluppati dal team R&D dell’azienda per garantire l’interfaccia tra il prodotto e il cliente.

Veranu è un pavimento innovativo che converte l'energia cinetica dei passi in energia elettrica pulita.

Veranu è un pavimento innovativo che converte l’energia cinetica dei passi in energia elettrica pulita.

L’idea di Veranu nasce nel 2012 con la tesi di laurea specialistica in ingegneria elettronica presso l’Università di Cagliari di Alessio Calcagni, che ha analizzato sensori di pressione costituiti da transistor organici a modulazione di carica con piezoelettrico (PVDF-TrFE). Nel 2016 ha visto l’ingresso nel capitale, e nel team in qualità di senior advisor, di Antonio Chiarello, manager con esperienza pluriennale, solide relazioni nel mondo istituzionale e competenze nel private banking e nell’asset management; Direttore Generale di Marzotto SIM da ottobre 2014 a dicembre 2016, oltre 10 anni di esperienza in UBS, nel 2010 è stato fondatore e Amministratore Delegato di Antirion SGR, attiva in ambito real estate. Dal 2015 é membro del CDA di iStarter.

Principali premi e riconoscimenti di Veranu:
– dicembre 2016: selezionata tra le 10 startup italiane vincitrici della finale nazionale degli StartUp Europe Awards, iniziativa promossa dalla Commissione Europea (DG Growth e DG Connect), dal Parlamento Europeo e da Startup Europe, implementata a livello europeo da Finnova e al livello locale dai Country Managers che confluiscono nella cd. StartUp Europe Alliance. Per l’Italia, il Country Manager e responsabile del network e del regolamento è X23 Srl;

– novembre 2016: selezionata tra le 8 startup sarde vincitrici della finale regionale degli StartUp Europe Awards;

– settembre 2016: selezionata tra le 10 startup che accederanno al programma di accelerazione di Next Energy Program, promosso da Terna e Fondazione Cariplo, realizzato da Cariplo Factory in collaborazione con PoliHub e dal Campus di Terna;

– settembre 2016: vincitrice del contest “90 secondi per spiccare il volo” nell’ambito dell’iniziativa “Panorama d’Italia” promossa dal settimanale Panorama edito da Mondadori.

Foto: Giovanni e Riccardo Sanna, co-founder di Clhub
CLHUB

Clhub è un venture incubator internazionale con focus sui settori Clean, Agri, IoT e Digital. Fondato nel 2015 da Giovanni e Riccardo Sanna, ha sedi a Capoterra (Cagliari) e Santa Monica (California, USA) e uffici a Milano. È specializzato nella creazione, incubazione, investimento seed e accelerazione di startup con business model chiaro, scalabile e sostenibile. I programmi di incubazione includono servizi di mentorship, consulenza amministrativa, networking, internazionalizzazione, servizi finanziari, marketing, design e sviluppo web. È ideatore del format “Startup Battle”, dove le startup selezionate si sfidano davanti a una giuria di esperti, nazionali e internazionali, per aggiudicarsi il premio per lo sviluppo dell’idea di business durante il periodo di incubazione. Nel 2016 l’ingresso nel capitale di Clhub da parte della famiglia Apodaca, proprietaria del gruppo californiano Westport Construction Inc. (Real Estate) e a capo di APO Group Inc. (Business Development Consulting), e di iStarter, acceleratore italiano con sede a Londra che subentra nella fase di accelerazione che va dal seed al Serie A, rappresentati in Consiglio di Amministrazione da Andrew Apodaca e Simone Cimminelli. Con l’obiettivo di fornire alle startup continuità nel percorso di crescita, Clhub ha stretto ulteriori partnership strategiche con TIM#Wcap Accelerator ed Equinvest. Clhub è anche un corporate accelerator e affianca le aziende attraverso programmi di open innovation. È socio di Italia Startup, associazione no profit che riunisce imprenditori, investitori, industriali, startupper, enti e aziende con l’obiettivo di dare un nuovo impulso alle giovani imprese italiane. Tra gli altri partner: Iubenda, Voverc, Publikendi, Aruba Cloud.

Comments are closed.