MADE IN ITALY – Con olive solo italiane anche...

MADE IN ITALY – Dal tappo al tacco, il...

3 aprile 2009 Comments (0) Dalla home page

INCENTIVI 3 – Aperto l’ombrello welfare

Indennita una tantum, lavori socialmente utili e altri incentivi

Per quanto riguarda il Patto di stabilita, il saldo  viene alleggerito in funzione anticrisi. Sono esclusi al Patto per le Regioni le maggiori spese sostenute nel 2009 e 2010 per interventi di ammortizzatori sociali cofinanziati da fondi comunitari.
Sono anche esclusi dal saldo del patto di stabilita di Province e Comuni le spese per la sicurezza pubblica e per misure sociali nel limite massimo complessivo di 150 milioni di euro per il 2009.
Sono anche escluse le spese per investimenti effettuate in conto residui, le spese per impegni gia assunti e finanziate dal minor onere per interessi. L’ammorbidimento si applica solo agli enti virtuosi, che nel 2007 hanno rispetto il patto di stabilita.
Viene aumentata dal 10% al 20% dell’ultima retribuzione annua l’indennita una tantum che viene concessa ai collaboratori a progetto (onere complessivo 100 milioni). E’ poi introdotto un incentivo ad assumere lavoratori che godono di ammortizzatori sociali in deroga. L’incentivo, in sostanza, e un abbattimento del costo del lavoro pari all’indennita spettante al lavoratore per il numero di mensilita non erogate. Il datore di lavoro deve pagare al lavoratore la differenza tra quanto dovuto e l’indennita a carico dello Stato. Tra le novita anche la possibilita per i soggetti che godono di misure di sostegno al reddito di accedere a lavori occasionali per un massimo di 3mila euro.
Per la prosecuzione dei lavori socialmente utili nel settore della scuola e per eventi celebrativi e previsto un fondo di 400 euro per il 2009.
Nel decreto e stata introdotta una norma che sblocca la parte del piano casa relativa alla costruzione di case popolari (prevista nel decreto estiva sulla manovra). Su un totale di 550 milioni, alle Regioni, cui spetta la realizzazione del piano, viene traferita intanto una quota di 200 milioni di euro.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.