IMPRESE – Dl incentivi: via libera da Cdm per...

IMPRESE – Appalti: dl procedure ricorso aggiudicazione

20 marzo 2010 Comments (0) Dalla home page

IMPRESE – Unima: ok incentivi per svecchiare mezzi agricoli

Siamo particolarmente colpiti dalla celerita con cui la misura, fortemente richiesta da tutte le associazioni di categoria legate al mondo dell’agricoltura e della meccanizzazione specializzata, gia ipotizzata dal ministro Claudio Scajola nei primi giorni dello scorso mese, e stata tradotta in realta dal Governo. Lo ha detto Aproniano Tassinari, presidente dell’Unima ((Unione Nazionale Imprese di Meccanizzazione Agricola) commentatndo l’approvazione del decreto legge per gli incentivi che contiene importanti misure di sostegno all’attivita produttiva e tra le quali hanno trovato posto stanziamenti destinati alle macchine agricole.

Se correttamente erogati gli incentivi previsti potranno dare una immediata scossa al mercato delle macchine agricole raggiungendo cosi il loro obiettivo primario che e quello di combattere una crisi che appare ormai infinita e che sta mettendo in ginocchio ampie parti del settore primario e, contemporaneamente, contribuira a svecchiare il parco macchine circolanti in Italia che si configura come il piu ampio e datato d’Europa, dando un apporto sostanziale a minimizzare l’impatto ambientale dei mezzi in uso sui campi, a ridurre i rischi connessi alla sicurezza sul lavoro e a incrementare la competitivita dell’agricoltura italiana.

“Rimane da capire – ha sottolineato Tassinari – in base a quali modalita i contributi saranno erogati. l’Unima ha gia iniziato una ricognizione tra le diverse associazioni di categoria interessate per riuscire a individuare una linea comune da proporre alle istituzioni. La preoccupazione e che alcuni comparti possano rimanere esclusi dagli aventi diritto agli incentivi. Nel caso degli agromeccanici, ad esempio, una situazione del genere significherebbe respingere a priori proprio coloro che pur rappresentando solo l’1% dei potenziali acquirenti di macchine, movimentano oltre il 30% del mercato”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.