DISTRETTI – Laddove il legno è protagonista

CRISI – Marcegaglia dopo il vertice: sono soldi veri

16 marzo 2009 Comments (0) Dalla home page

IMPRESE – Scajola: boom delle relazioni con l’Egitto

Firmato il piano congiunto 2009-2012 per la cooperazione economica e finanziaria italo-egiziana

L’Italia guarda oltre la crisi, e getta le basi per rafforzare le imprese, soprattutto Pmi, in Egitto. Realizzazione di infrastrutture, trasferimento di tecnologie, incentivi per la creazione di joint ventures e promozione della cooperazione industriale, degli investimenti e del commercio; nuove partnership tra Pmi. Sono questi i principali settori strategici del Piano di Azione 2009-2012, lo strumento programmatico della cooperazione economica e finanziaria italo-egiziana, firmato dal ministro dello Sviluppo Economico, Claudio Scajola (nella foto), e dal suo omologo egiziano Rachid Mohammed Rachid. Il piano di azione congiunto, ha spiegato il ministero in una nota, rinnova quello siglato nel 2005 e si inserisce in un contesto di partenariato strategico tra i due Paesi e di crescita dell’interscambio che si e raddoppiato negli ultimi tre anni superando i 5 miliardi di euro.
L’Italia e il primo partner commerciale del Cairo tra i Paesi dell’Unione Europea, terzo al mondo solo dopo Stati Uniti e Cina; siamo tra i primi cinque Paesi investitori e tra i primi tre per presenze turistiche. L’Egitto e il primo Paese d’investimento del Nord Africa per le nostre imprese. ”Con questi numeri – ha dichiarato Scajola – puntiamo a un ulteriore salto di qualita nelle relazioni. Quella che e gia una partnership strategica, sta diventando un vero e proprio tandem euro-mediterraneo. Col Piano di Azione guardiamo oltre la crisi, e gettiamo le basi per un ulteriore rafforzamento delle nostre imprese in Egitto, partendo proprio dalle Pmi”. Nella due giorni ad Alessandria e Il Cairo, il ministro Scajola ha incontrato, oltre al ministro Rachid, il primo ministro Nazif, il Ministro del Petrolio Fahmy, il Ministro per l’Elettricita e l’Energia Younes, il ministro per le Telecomunicazioni Kamel, il ministro dei Trasporti Mansour ed il ministro per l’Agricoltura Abaza. Nel corso dei colloqui, Scajola ”ha rappresentato le principali esigenze delle imprese italiane per una loro ancor piu efficace operativita in Egitto ed e stato confermato l’impegno dei due Governi a proseguire sulla strada del rafforzamento delle relazioni politiche ed economiche. In particolare, con il ministro per l’energia Younes e stato deciso che il 12 maggio sara  firmato un protocollo nel settore energetico, con partnership tra imprese, che interessa le rinnovabili, lo sviluppo delle reti e delle interconnessioni nell’ottica del Mediterraneo”. Al Cairo, Scajola ha anche partecipato ai lavori del IV Forum per il Mediterraneo che ha definito, grazie alla Regione Sicilia, un protocollo che punta alla creazione di un Distretto del Mediterraneo della pesca; alla sessione del Consiglio Italo-Egiziano per gli affari economici e commerciali; alla firma di un protocollo sulla formazione tra Ice, Assoplast e ministero dell’Industria.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.