LAVORO 4.0-Digitale: come cambia lo scenario

“DONNE E INVESTIMENTI”-Sezione di SoldiExpert SCF dedicata all’universo femminile:...

5 settembre 2016 Comments Off on IMPRESE-Primo Salone delle Medie Imprese: 9 e 10 Settembre a Villa Cattaneo a Pordenone Dalla home page

IMPRESE-Primo Salone delle Medie Imprese: 9 e 10 Settembre a Villa Cattaneo a Pordenone

Si presenta oggi, lunedì5 settembre, “Il primo Salone delle Medie Imprese” una nuova iniziativa del Salone d’Impresa che si svolgerà il 9 e 10 Settembre a Villa Cattaneo a Pordenone, dedicata a una dimensione di azienda che si sta sempre più sviluppando nelle regioni del nord est. Sono competitive, innovative, cercando nuove vie per l’internazionalizzazione, ma non sono grandi strutture industriali sono appunto medie imprese ovvero azienda che mediamente contano tra i 50 e i 250 dipendenti ed hanno fatturati in crescita e storie di successo.

A sostenere l’iniziativa partner istituzionali La Regione Friuli Venezia Giulia, che spesso si distingue per le sue politiche di sostegno alle imprese e il Comune di Pordenone ma anche molte realtà legate al mondo dello sviluppo e della Ricerca il Polo Tecnologico di Pordenone, il Polo Young, Friuli Innovazione, Area Science Park, le Università di Udine e Trieste, ma anche Unioncamere che è in grado di raccogliere e fornire dati e analisi su come il fenomeno delle medie imprese stia evolvendo in questi anni e lo farà illustrando un rapporto sulle medie imprese Tirvenete proprio nella prima giornata di lavori del Salone.

Logo_Salone-delle-Medie-Impreselungo-con-data

Anche Mediobanca si è resa disponibile per fornire un quadro complessivo dello stato economico di queste realtà del nord est che hanno per altro una forte correlazione con il territorio in cui insistono.

Presenti alla conferenza stampa alcuni degli attori del Salone ma in primis il Presidente di Salone di Impresa e ideatore dell’iniziativa Ferdinando Azzariti che introduce le motivazioni delle nuova iniziativa in questo modo: “Medio e’ bello! Le medie imprese rappresentano il punto di svolta della nostra economia: ne’ piccole ne’ grandi ma soprattutto “disruptive” ovvero capaci di essere internazionali e locali, tecnologicamente avanzate, dedicate al cliente e attente al personale. Gli ingredienti – Spiega Azzariti – miscelati sapientemente da un capitalismo familiare, che sta introducendo nuove figure anche nel Consiglio di Amministrazione. Che rendono la media impresa il paradigma su cui far ripartire la nostra economia. Maggiore attenzione e coordinamento tra stakeholder, policy maker e soggetti abilitanti possono – con una nuova logica – creare una nuova formula: quella del Sistema Territoriale Avanzato che supera il Modello di Sviluppo Locale.”

Il supporto delle strutture votate a questo tipo di economia sembra rappresentare in qualche modo una chiave di volta e ne è ben cosciente il Franco Scolari direttore del Polo Tecnologico di Pordenone che infatti spiega: “Il Polo tecnologico di Pordenone ha la missione di promuovere l’innovazione nelle imprese come vantaggio competitivo sostenibile. Ovvio dunque il supporto a Salone d’impresa. Come contributo specifico cercherò di stimolare gli imprenditori che saranno presenti al Salone a cavalcare le nuove tecnologie, GRIN Technologies, per sviluppare nuovi modelli di business manifatturiero di personalizzazione e prossimità. Per capirne di più venite con noi.

Al Polo- continua Scolari – per preparare il nostro futuro non vogliamo affidarci a prodotti di bassa tecnologia, ma sviluppare un’economia della conoscenza risultante dal trasferimento tecnologico del valore aggiunto della migliore ricerca.”

Le imprese hanno però bisogno anche di sostegno e competitività e risorse per gli investimenti ed è proprio qui che entra in campo l’Assessorato alle Attività produttive della Regione Friuli Venezia GiuliaL’assessore Sergio Bolzonello ribadisce il ruolo chiave di queste realtà e introduce l’intervento che farà nel corso del Salone sugli strumenti disponibili in Friuli per le Medie Imprese: “Il Tessuto imprenditoriale FVG, come Italia è molto frammentato, prevalentemente composto da piccole imprese anche per questo cresce la nostra attenzione specifica verse le PMI. In particolare le medie imprese sono interessanti per la capacità da un lato di sviluppare innovazione e export e occupazione, dall’altro lato per il legame che mantengono con il territorio. Quindi: dinamicità e legame territorio come aspetti positivi comuni anche alle piccole imprese, ma anche alcune caratteristiche delle grandi imprese, che danno una capacità di impatto, struttura e stabilità maggiore, elemento che interessa anche alle politiche industriali per “ricostruire” dopo la crisi. La Regione Friuli Venezia Giulia  sta sviluppando delle politiche economiche di sostegno tra queste oltre ad altri progetti possiamo segnalare Rilancimpresa FVG, in cui promuoviamo la nascita di nuove medie imprese e lo sviluppo di quelle già esistenti. I nostri interventi si caratterizzano per l’elevato valore degli investimenti a carico delle imprese; il positivo impatto occupazionale; l’aumento della capacità competitiva delle imprese e delle filiere di interesse regionale, anche con riferimento ai mercati esteri; l’innovazione e la sostenibilità sociale ed ambientale

Germano Scarpa –  Presidente Friuli Innovazione –ribadisce il ruolo deii parchi in questa fase evolutiva delle medie imprese: “I parchi tecnologici hanno la fondamentale funzione di unire e dare prospettiva alle aziende che devono crescere e ai giovani che devono trovare il modo di operare in questa regione e non essere costretti ad andare all’estero per rendere concreti i loro progetti. Ognuno di noi deve trovare il coraggio di rinunciare a qualche cosa a favore di un sistema evolutivo. Il parco deve essere un po’ il collettore tra i soggetti del territorio. Auspico che questo possa trovare una soluzione affinchè i parchi territoriali riescano a dare sempre di più uno sviluppo al territorio.

Tra i relatori nell’eccezionale Parterre del Salone vi saranno oltre alle istituzioni, imprenditori che porteranno esperienza e segnaleranno esigenze per lo sviluppo della media impresa, ma anche economisti, giornalisti e direttori di giornali che dal loro osservatorio privilegiato potranno contribuire ad una visione completa del mondo delle medie imprese.

Comments are closed.