LAVORO – Nuove professioni: ecco il longevity trainer ...

CRISI -Previsioni Istat 2013-2014: lieve ripresa solo dal 2014....

6 maggio 2013 Comments (0) News

IMPRESE – Micron di Avezzano: firmato al Mise protocollo per nuova fase produttiva

E stato sottoscritto lunedi 6 maggio, al Mise, al termine di una riunione presieduta dal sottosegretario Claudio De Vincenti, il protocollo di intesa che delinea il nuovo assetto proprietario e le prospettive di sviluppo della ex Micron di Avezzano, azienda che da lavoro a 1621 addetti.

Nella nuova compagine societaria, un ruolo fondamentale sara svolto dal management italiano, che diventa azionista di riferimento attraverso la societa Marsica Innovation Technology, a sua volta partecipata anche dalla tedesca LFoundry, con cui si avvieranno significative sinergie industriali.

Lo stabilimento di Avezzano entra a far parte, in questo modo, di un gruppo europeo che punta a diventare leader nella fornitura di componenti microelettronici per lo storage di dati, che potranno essere utilizzati in una molteplice gamma di settori industriali (dalla telefonia all’automotive).

Il protocollo affronta con particolare attenzione il tema occupazionale e dell’efficientamento dello stabilimento, che dovra avvenire senza alcun licenziamento.

sotto-1_941-705_resizePer il sottosegretario allo Sviluppo economico Claudio De Vincenti, “l’esito positivo della vertenza Micron, attraverso l’impegno diretto del management italiano, dimostra che nel nostro Paese ci sono risorse e competenze che vogliono continuare a impegnarsi in attivita industriali ad elevata innovazione tecnologica”.

“Come Governo – ha aggiunto De Vincenti – abbiamo voluto accompagnare e sostenere questo percorso, mettendo a disposizione adeguati finanziamenti agevolati, attraverso i quali potremo verificare passo dopo passo il raggiungimento degli obbiettivi industriali prefissati”.

L’intesa e stata sottoscritta anche dalla Regione Abruzzo, dalla Provincia dell’Aquila, dal Comune di Avezzano e da tutte le forze sindacali, che sottoporranno ora l’intesa all’approvazione dei lavoratori.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.