INDUSTRIA – Alimentare: meno produzione ma +10% export

UE – Salvo il vino rosé. No a mix...

7 giugno 2009 Comments (0) Dalla home page

IMPRESE – Lavazza: chiuso bilancio 2008 con + 8,7%

Carte vincenti: innovazione di prodotto, ricerca e mercati emergenti

Segnali di crescita anche per il 2009 grazie all’aumento delle vendite del caffe in cialde. Questa in sintesi la formula che ha consentito al Gruppo Lavazza di chiudere il 2008 con ricavi a 1.121,6 milioni di euro, in miglioramento dell’ 8,7% rispetto all’anno precedente, l’aumento di 2 punti percentuali della quota di volumi d’affari realizzata all’estero passata dal 37,4% del 2007 al 39,8% del 2008. “Siamo molto soddisfatti – ha sottolineato l’amministratore delegato e direttore generale, Gaetano Mele (nella foto)  – nonostante la crisi e la volatilita del costo delle materie prime che fin dal 2007 ha riguardato il settore, grazie al disegno strategico e all’impegno del management, il Gruppo Lavazza ha chiuso il 2008 con una sostanziale crescita”. Il risultato operativo e stato di 169,3 milioni di euro, pari al 15,1% dei ricavi netti, mentre l’utile netto e stato di 55,1 milioni di euro. A fine esercizio il patrimonio netto consolidato e risultato pari a 1.125,4 milioni di euro con una posizione finanziaria netta positiva di 429,1 milioni di euro. Un risultato che dimostra “come le strategie messe in campo dall’azienda – ha spiegato Mele – e basate su investimenti in ricerca e sviluppo, innovazione di prodotto, espansione nei mercati emergenti e contenimento dei costi operativi, vadano nella giusta direzione”.
Per quanto riguarda il 2009, l’ad ha ammesso una certa influenza “della sensibile contrazione dei consumi che ha interessato tutti i mercati. I primi segnali dell’ultimo periodo ci inducono a un moderato ottimismo anche alla luce dell’importante crescita del nuovo sistema a Cialde ‘A Modo mio’ in Italia, prodotto di punta del Gruppo Lavazza per il mercato domestico, ma anche diffuso in Francia, Austria, Inghilterra”.  I dipendenti del Gruppo sono 4.148 di cui 1.700 in Italia.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.