AGRICOLTURA – 8 marzoa. Coldiretti, nate 103mila imprese rosa...

PRIVACY – Telefonia e provider: operazione “Data Retention”, gli...

7 marzo 2013 Comments (0) News

IMPRESE – Cda rosa: in Italia le donne sono il 14%, quota che sale al 16% in Toscana e Umbria, Magia nera il Sud con il 4%

Resta minoritaria la presenza di donne nei Cda delle societa italiane: solo il 14% dei membri appartiene al gentil sesso (era il 13% un anno fa) ed e una ‘riserva indiana’ le donne-consiglieri al Sud (il 4% del totale) mentre Toscana e Umbria sono le regioni piu ‘rosa’, con il 16% di presenza in consiglio. Sono alcuni dei risultati di un’indagine di Ria Grant Thornton su un database di oltre 9.300 aziende con fatturato tra 30 e 500 milioni di euro.

In Italia solo il 14% dei membri che siedono in un consiglio di amministrazione e donna, il 69% delle donne che sono membri di Cda e nel nord Italia, il 27% al centro e solo il 4% al sud. A livello regionale, Toscana e Umbria (16%) sono le regioni con la maggiore presenza di donne; seguono il Piemonte, Marche, Friuli-Venezia Giulia e Calabria (15%), al terzo posto Veneto, Emilia-Romagna, Campania, Liguria, e Lombardia (14%). Quindi Abruzzo, Puglia (13%), Lazio (12%), Sicilia (11%), Sardegna (10%), Valle d’Aosta e Trentino-Alto Adige (7%) e Molise (5%). Chiude la classifica la Basilicata con il 4%, regione che ha subito il calo peggiore rispetto al 2012 con un -7%.

A livello di incarichi, l’11% delle donne in Cda ricopre il ruolo di amministratore delegato, era il 10% nel 2012 e l’8% invece ricopre il ruolo di presidente del Cda, dato invariato rispetto al 2012. Diminuisce invece in Italia la percentuale di donne che occupano posizioni manageriali: se nel 2012 erano il 36%, nel 2013 si e scesi al 24%, un dato in linea con la media mondiale, ma inferiore al 28% dei Bric, al 32% dei Paesi del Sud Est Asiatico e al 40% dei Paesi baltici. A livello globale, la maggiore percentuale di quote rosa spetta al comparto sanitario (45%), segue quello dell’istruzione e servizi sociali (44%), accoglienza e ospitalita (41%), tecnologie pulite (33%), servizi finanziari (29%), tra quelli in cui la presenza femminile e inferiore il settore delle costruzioni, real estate ed estrazioni (19%).

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.