GOVERNO – Bonus riqualificazione energetica: probabile la proroga del...

LAVORO – Agricoltura: in controtendenza crescono le assunzioni...

22 maggio 2013 Comments (0) News

IMPRESE – Agevolazioni fiscali Reti d`impresa: c’è tempo fino al 23 maggio per l`invio telematico

Scadra il 23 maggio 2013 il termine per presentare le domande riservate alle reti d’impresa che intendono usufruire dell’agevolazione ex 42, comma 2-quater, del DL n. 78-2010. Il decreto prevede la sospensione d’imposta di una quota degli utili dell’esercizio destinata al fondo patrimoniale comune o al patrimonio destinato all’affare per le imprese che stipulano un contratto di rete, con il quale piu’ imprenditori intendono accrescere la capacita’ innovativa e la competitivita delle rispettive attivita

Decreto legge 78/2010: Misure urgenti in materia di stabilizzazione finanziaria e di competitivita`
Decreto attuativo per le Reti d`impresa: misure ad hoc e vantaggi fiscali

Per beneficiare dell’agevolazione le imprese appartenenti a una delle reti d’impresa che sottoscrivono o aderiscono a un contratto di rete devono trasmettere on line, entro il 23 maggio 2013, un apposito modello (disponibile sul sito dell’Agenzia delle entrate). Le imprese che attribuiscono il reddito per trasparenza ai propri soci o associati o collaboratori dell’impresa familiare, devono presentare la comunicazione anche se il risparmio d’imposta non e’ da esse realizzato.

Qualora venga selezionata l’opzione per il “consolidato fiscale” spetta alle singole societa’ partecipanti presentare la comunicazione.

L’invio tramite web puo essere svolto:

– direttamente, da parte dei soggetti abilitati ai servizi telematici dell’Agenzia delle entrate;

– tramite una societa’ del gruppo, qualora il richiedente appartenga a un gruppo societario (ente o societa’ controllante e societa’ controllate; si considerano controllate le societa’ per azioni, in accomandita per azioni e a responsabilita’ limitata, le cui azioni o quote sono possedute dall’ente o societa’ controllante o tramite altra societa’ controllata da questo per una percentuale superiore al 50% del capitale;

– tramite professionisti, associazioni di categoria, Caf e altri soggetti (articolo 3, comma 3, Dpr n. 322-1998).

(Fonte: FASI – Finanza Agevolazioni Sviluppo Investimenti)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.