LAVORO – Ue: richiesti professionisti della finanza e delle...

BANCHE – Conti correnti: accordo Abi con consumatori...

14 aprile 2011 Comments (0) News

IMPRESE – Agevolaziomi: al via il contratto di rete. 20 mln per il 2011 poi 14 mln per i due anni successivi

E’ operativa, dopo il via libera di Bruxelles, che non l’ha considerata aiuto di Stato, l’agevolazione fiscale a vantaggio delle aziende che attuano un contratto di rete. Le agevolazioni fiscali disponibili ammontano in base alla legge a 20 milioni di euro per il 2011, e altri 14 rispettivamente per il 2012 e il 2013. Sono usufruibili da quelle aziende che stipulano di fronte al notaio un contratto di rete: gli utili destinati a questo progetto non concorrono a formare il reddito d’impresa. Il tetto del vantaggio fiscale per ogni azienda e di un milione. Lo ha spiegato il ministro dell’Economia Giulio Tremonti dopo l’incontro sulle reti d’impresa tenutosi a Palazzo Chigi con le parti sociali. Per Tremonti “le reti d’impresa sono un modo per mettere insieme un carattere d’impresa, la piccola e autonoma e l’esigenza della massa oltre che imprese che restano singole, di andare insieme al fisco, in banca e all’estero” e, inoltre, sono ”un modo di accompagnare la nostra economia verso la globalizzazione”.

”L’accordo sulle Reti d’impresa va oltre il distretto territoriale – ha commentato la presidente di Confindustria Emma Marcegaglia – in pochi mesi di lavoro abbiamo costituito 41 reti e coinvolto 230 imprese e ci sono altre 20 reti che concluderemo nei prossimi giorni. Siamo abbastanza soddisfatti e fiduciosi che questi numeri crescano. Abbiamo anche lavorato per formare manager di rete – ha spiegato la Marcegaglia – e con il sistema bancario abbiamo firmato protocolli per affidamenti a reti d’impresa”. Confindustria ha, infatti, messo a punto la struttura Retimpresa proprio per dare sostegno alle aziende che scelgono il contratto di Rete.

Anche Rete Impresa Italia – Confcommercio, Confesercenti, Cna, Confartigianato e Casartigiani – come ha detto il portavoce Giorgio Guerrini, hanno creato 35 contratti di rete e hanno attivato sportelli per dare informazioni alle aziende.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.