REGIONI – Sardegna: ridurre vincoli produttivi dopo incendi

IMPRESE – Engineering Made in Italy per un’intera...

18 maggio 2009 Comments (0) Dalla home page

IL CASO- Crisi: come trovate la ricetta per uscirne?

Accesso al credito, innovazione, ricerca e visione della crisi come opportunita

Ci hanno provato a Pordenone con un’analisi economica della provincia e del distretto del mobile. Infatti, in una fase di crisi economica mondiale importante capire quali sono le strategie che un’azienda, un distretto, un territorio, devono adottare per rimanere competitivi. La ricerca pilota, che sara replicata in altre regioni d’Italia, e stata promossa dai Rotary Club di Pordenone e dell’Alto Livenza e realizzata da Sose Spa ed e stata presentata al convegno “Competitivita a Nord Est”. “L’ importante iniziativa – ha spiegato Luigi Campello, vicepresidente di Uninindustria Pordenone – ha creato una valida base statistica, mettendo a disposizione degli operatori i database degli studi di settore, integrati con quelli esistenti nelle Istituzioni territoriali. Ha elaborato, poi, una profonda analisi dei fattori sottostanti la competitivita, e le debolezze, dei vari settori dell’industria del territorio, seguendone l’evoluzione fino alla crisi attuale, offrendo orientamenti prospettici molto utili per la ricerca di una nuova competitivita”. Maggiore accesso al credito, innovazione, ricerca scientifica e visione della crisi come un’opportunita, uniti a specializzazione di prodotto e ricorso ai marchi come fattori di vantaggio competitivo. Sono queste le ricette, secondo quanto emerso dalla ricerca, per rispondere alla situazione econo mica attuale. “Grazie alla disponibilita di dati provenienti dal nostro archivio – ha affermato, infatti, Giampietro Brunello, presidente della Sose -, abbiamo ricostruito, in una prospettiva mai indagata in precedenza, le dinamiche competitive dei sistemi delle pmi e della loro relazione con le grandi imprese. Ne e emerso che e necessario consolidare il credito a breve e aumentare il capitale di rischio, facendo anche rientrare i capitali dall’estero per destinarli alla patrimonializzazione delle imprese. Nel medio termine, inoltre, bisogna creare una piattaforma con gli strumenti necessari ad affrontarla. In primis innovazione e certificazione di  qualita. Nel breve termine, infine, la crisi va vista come un’opportunita per “fare sistema” e per sviluppare il settore ricerca e sviluppo”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.