FIERE – Al Cersaie 1036 imprese della Ceramica

POLTRONE – Massimo Massini nuovo presidente Ibar

30 settembre 2009 Comments (0) News

IL CASO – Concluso lo sciopero della fame di Pizzino

Decisiva la mediazione di Tremonti e l’intervento di Lombardo

Al sesto giorno dall’inizio del suo sciopero della fame in segno di protesta nei confronti della scarsa attenzione prestata dall’UniCredit nei confronti delle piccole e medie imprese, Giuseppe Pizzino ( nella foto durante il sit-in a Milano, in Piazza Cordusio) ha deciso di interrompere la protesta dopo l’incontro tenutosi alla presenza di Coriani e Piluso, rispettivamente amministratore delegato e direttore generale dell’Unicredit Corporate Banking e alle ripetute telefonate tra lo stesso Pizzino e il ministro delle Finanze Giulio Tremonti. A farsi sentire anche il presidente della regione siciliana Raffaele Lombardo. A sollecitare l’incontro tra il titolare della Castello e il ministro Tremonti, una delegazione composta dagli onorevoli Nino Germana e Catia Polidoro, responsabile, quest’ultima, per le piccole e medie imprese del Pdl. A quanto pare e stata espressa una chiara volonta alla soluzione delle problematiche sollevate da Pizzino dai vertici dell’Unicredit. “Siamo rasserenati dalle condizioni di salute del signor Pizzino – ha dichiarato un portavoce della banca – col quale abbiamo avuto un incontro per illustrargli di nuovo la situazione. All’incontro la banca ha anche presentato alcune ipotesi alternative”. Sembra dunque che le proposte avanzate dall’istituto bancario abbiano convinto Giuseppe Pizzino.
Nei prossimi giorni si vedranno risultati concreti mossi dalla protesta dell’imprenditore tessile che ha suscitato l’attenzioni di esponenti di primo piano della politica nazionale anche per dare risposte certe sul futuro di 300 lavoratori.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.