NOMISMA – I prossimi eventi dal 10 settembre al...

MADE IN ITALY – Parma alimentare negli Autogrill francesi

9 settembre 2009 Comments (0) News

IL CASO – Cerignola o dell’incubatore che non parte

Terminati i lavori edili, l’incubatore e senza le imprese

Secondo un modello gia collaudato da Sviluppo Italia, l’incubatore e destinato a dare impulso allo sviluppo economico della zona con servizi altamente qualificati e riordinare il traffico delle merci di un vasto territorio interprovinciale, caratterizzato dalla presenza di numerose imprese operanti nel settore dell’agroalimentare. Ma, a lavori edili sono ormai terminati, delle imprese “da incubare” non se ne sa nulla. Negli ultimi contatti tra l’ex sindaco, Matteo Valentino ed i vertici di Sviluppo Italia fu concordata la costituzione di una commissione tecnica per la selezione dei progetti a cui avrebbero dovuto partecipare i rappresentanti delle Facolta di agraria e economia dell’Universita di Foggia e dell’Assindustria di Capitanata e, quando riprenderanno i contatti sarebbe forse il caso di attualizzare gli obiettivi da raggiungere, posto che l’idea di un incubatore mirato sull’agroalimentare risale a circa 12 anni fa, quando fu costituita la societa mista Ceriservice, poi dismessa. Oggi, infatti, non ha piu molto senso puntare esclusivamente sull’agroalimentare, mentre sarebbe il caso di puntare sull’indotto. Comunque l’incubatore di Cerignola, i cui lavori edili sono praticamente ultimati, e stato realizzato nella zona industriale all’interno dell’Interporto e progettato su un’area complessiva di 2.405 metri quadri, dei quali 2.205 destinati ad ospitare imprese e 200 per spazi comuni. Per quanto riguarda la incubazione di nuove imprese, ne dovrebbero nascere 10 per volta, come nei centri di di Taranto, Casarano e Bari-Modugno, dove gia operano oltre 80 imprese che hanno garantito nuova occupazione ad oltre 500 unita lavorative. Oltre alle infrastrutture, le 10 nuove imprese si avvarranno dei contributi e dei benefici garantiti dal fondo incentivi agli investimenti e dal consorzio di garanzia fidi creati da Sviluppo Italia per migliorare capacita finanziaria e condizioni di accesso al credito a vantaggio delle iniziative imprenditoriali.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.