IMPRESE – Emilia Romagna: scoprire il business in Australia....

LAVORO – Rinnovata partnership Hays-Egomnia: ricerca e selezione di...

3 dicembre 2013 Comments (0) News

GOVERNO – Cdm: Letta, ok a nuovo Isee a favore di famiglie e disabili

E’ stato completato e firmato il percorso del nuovo Isee: un cambiamento a favore di famiglie e disabili. Lo ha annunciato il presidente del Consiglio, Enrico Letta, durante la conferenza stampa seguita al Cdm di oggi. La riforma prevede che nel calcolo della capacita reddituale delle famiglie peseranno di piu la casa e il patrimonio. Inoltre con il nuovo Isee diminuiranno le autocertificazioni e i dati fiscali piu importanti saranno compilati direttamente dalla pubblica amministrazione.

“Nel cambiamento si interviene in modo significativo a favore di famiglie e disabili” ha dichiarato il premier. Spiegando il varo del nuovo indicatore, il presidente del Consiglio ha fatto riferimento a recenti casi di cronaca. “Abbiamo visto lo scandalo di chi andava all’universita in Ferrari – ha ricordato – sono vicende che feriscono i tanti che hanno bisogno. Basta a questi scandali”.

La riforma dell’indicatore, fondamentale per la disciplina dell’accesso a prestazioni sociali come asili nido, borse di studio, mense scolastiche e abbonamenti ai mezzi pubblici, e contenuta in un decreto della presidenza del Consiglio.

Casa e patrimonio conteranno di piu: nel nuovo Isee sara considerato il valore degli immobili rivalutato ai fini Imu (invece che Ici) mentre sara ridotta la franchigia della componente mobiliare e diminuiscono i casi in cui e sufficiente un’autocertificare: i dati fiscali ritenuti piu importanti, tra cui il reddito complessivo e quelli relativi alle prestazioni ricevute dall’Inps saranno compilati direttamente dalla Pubblica amministrazione. La condizione finanziaria della famiglia sara calcolata ora sulla base dell’ammontare di tutti i guadagni dei suoi componenti, non piu sull’ultima dichiarazione dei redditi, in considerazione del fatto che la crisi puo provocare peggioramenti anche piuttosto repentini delle condizioni finanziarie dei nuclei e l’indicatore, cosi com’e oggi, rischia di diventare inattendibile nell’arco di pochi mesi.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.