CRISI-Imprese: Censis, in 3 anni 33mila in meno

CRISI-Spending review: quanto si risparmia con tagli Pa?

5 luglio 2012 Comments (0) Dalla home page

GIUSTIZIA-Mediazione: Anpar, tariffe assicurative più basse

Nessun condizionale in merito all’abbassamento delle tariffe delle compagnie di assicurazioni: infatti, e un dovere che hanno di farlo, tutte, nei confronti degli automobilisti onesti. Lo si legge in una nota dell’Anpar nella quale si spiega come “i primi dati della mediazione sul risarcimento danni da veicoli a motore, il cui esperimento, del tentativo di mediazione e obbligatorio causa improcedibilita al giudizio ordinario, ci dicano che compagnie virtuose (quelle che aderiscono alla mediazione hanno tratto benefici molto consistenti, al contrario di altre compagnie (e per fortuna sono pochissime) che osteggiano la mediazione per mantenere in piedi uffici legali ormai obsoleti e fuori dalla modernizzazione” mentre “con accordi di mediazione si riduconpo sensibilmente i costi per i sinistri e contemporaneamente si riducono gli accantonamenti pluriennali destinati ai medesimi per far fronte al pagamento di futuri sinistri, minimo triplicati. Dunque, bilanci piu realistici e meno fumosi”.

“Questo e un fenomeno solo italiano – ha affermato Giovanni Pecoraro responsabile dell’Organismo Internazionale di Conciliazione & Arbitrato dell’Anpar iscritto nel registro ministeriale di Giustizia. In Europa e nel resto del mondo il fenomeno della mediazione e di sistemi Adr (Alternative Dispute Resolution) ha risolto da tempo – ha poi spiegato – con l’applicazione di questi istituti la validita dell’applicazione secondo parametri premi incassati/sinistri pagati che unitamente ai falsi incidenti (che potrebbero scomparire con la mediazione) sono le voci piu consistenti a stabilire l’importo delle tariffe assicurative”.

“Il mio pensiero – ha aggiunto Pecoraro – in questi tre mesi di rodaggio dell’entrata in vigore della norma puo essere sintetizzato in queste poche ma pesanti considerazioni: la mediazione civile obbligatoria non e buona o cattiva o fallita (come dice qualche “ignorante della materia), dipende da chi la conosce e da chi fa finta di non conoscerla o non vuole conoscerla, dipende da come le varie direzioni delle compagnie di assicurazioni , la stanno usando o la usano, certamente quelli che la usano rendano al cittadino un buon servizio che nel 70% dei casi cerca un accordo piuttosto che avviare un giudizio”.

“La mediazione – ha continuato il presidente dell’Anpar – certo non e uno strumento, anche se obbligatorio, salvifico o distruttivo, ognuna delle parti rinuncia a qualcosa e l’accordo e presto fatto. La rinuncia e sempre poca cosa in confronto al rischio che si corre nell’affrontare un ordinario giudizio, lungo, costoso e stressante e con rapporti inquinati. E’ pur vero – ha commentato – che nessuno e obbligato a utilizzare qualcosa che non si voglia ma e molto deprimente quando chi avvia una procedura di mediazione (generalmente il debole cittadino) riceve lettere di mancata partecipazione all’adesione senza una valida giustificazione (che guarda caso arrivano solo da quelle compagnie che si affidano a legali esterni). E siamo sicuri che questi non hanno degli interessi a far fallire la mediazione? Come giustificheranno questi comportamenti agli azionisti le compagnie poco virtuose? Sappiamo bene – ha sottolineato Pecoraro – che tutte le compagnie di assicurazione sono “sorvegliate” dall’Isvap. Ma questo istituto assolve veramente alla funzione di controllo prevista dalla normativa?

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.