TAV, MIT: FATTIVA INTERLOCUZIONE CON UE, SI LAVORA PER...

AMBIENTE-Alleanza ENEA – Confcommercio per la salvaguardia dell’economia del...

18 febbraio 2019 Comments Off on FORMAZIONE-25 anni di biotecnologie: ANBI e Università di Verona festeggiano oggi lunedì 18 febbraio, presso l’aula magna, Cà Vignal 2, Strada Le Grazie, Verona Dalla home page

FORMAZIONE-25 anni di biotecnologie: ANBI e Università di Verona festeggiano oggi lunedì 18 febbraio, presso l’aula magna, Cà Vignal 2, Strada Le Grazie, Verona

L’Associazione Nazionale Biotecnologi Italiani (ANBI) parteciperà all’evento:

Il corso di laurea in Biotecnologie di Verona compie 25 anni
Gli esperti della disciplina si sono dati appuntamento per celebrare i 25 anni del primo corso di laurea in Italia nato proprio a Verona

che si terrà lunedì 18 febbraio, presso l’aula magna, Cà Vignal 2, Strada Le Grazie, Verona.

Era l’anno accademico 1992-1993 quando un chimico, un microbiologo e un genetista hanno dato il via a Verona a un nuovo corso di laurea che non solo era il primo nel panorama italiano, ma sarebbe anche diventato un’eccellenza a livello nazionale.
Quel corso di Biotecnologie oggi compie 25 anni e per festeggiare i traguardi raggiunti e ricordare l’importanza che lo sviluppo scientifico riveste nella quotidianità di tutti noi, l’università di Verona organizza un evento lunedì 18 febbraio, alle 14, nell’aula magna di Cà Vignal 2, sede dell’area di Scienze e ingegneria.

Il Presidente ANBI ed ex studente proprio a Verona, Davide Ederle (foto), sarà tra i relatori dell’evento e sottolinea che:

“Questo è senza dubbio un evento importante per noi che su quel (per)corso abbiamo deciso di investire non solo professionalmente. Un momento per ricordare come i biotecnologi, con le unghie e i denti, abbiamo dovuto lottare per ottenere anche il più piccolo riconoscimento professionale – dalla possibilità di partecipare ai concorsi pubblici a quella di accedere agli Ordini professionali riconosciuti visto che nessuno voleva riconoscerci il diritto di averne uno nostro – e su come questo paese abbia (bis)trattato più o meno tutti i settori in cui il biotecnologo opera, in particolare quello agro-industriale e quello della salute.

A mio avviso però il messaggio dell’evento non deve guardare al passato, ma al futuro. Per noi, che questo percorso l’abbiamo scelto, disegnato e costruito, è arrivato il momento della maturità, il momento di prendere coscienza che non ci saranno altri se non noi che potranno far crescere le biotecnologie in ItaliaOccorre quindi fare un passo avanti e essere presenti: nei laboratori, nelle imprese, ma anche nel dibattito pubblico e istituzionale. ANBI è nata per questo, per aiutare i biotecnologi a fare squadra e portare avanti assieme le giuste rivendicazioni di una professionalità emergente. Ora ANBI continua a lavorare per impedire che questa professionalità non finisca per essere snaturata per rispondere a interessi che non sono quelli dei biotecnologi.

I biotecnologi sono stati formati affinché le biotecnologie in questo Paese potessero crescere e farlo crescere, ed è quello il lavoro che i biotecnologi sanno e vogliono fare. A questo Paese non servono altri obblighi, vincoli o leggi per ingessare ancor più il sistema, serve molto semplicemente più ricerca e innovazione e i biotecnologi sono pronti a dare il loro contributo su entrambi i fronti. Per questo l’ANBI ci sarà e per questo si darà sempre da fare.”

Nel corso dei 25 anni il settore ha conosciuto un progresso enorme, come evidenzia Antonella Furini, presidente della Scuola di Scienze e ingegneria dell’Università di Verona:

“Negli oltre 20 anni di storia delle biotecnologie abbiamo fatto dei passi da gigante. Basti pensare alle ricerche nel sequenziamento del genoma umano: sono stati necessari 13 anni di lavoro e di sforzo internazionale per assemblare le sequenze del genoma e pubblicare la ricerca sull’argomento. Oggi, in sole 48 ore, riusciamo a sequenziare il genoma e in pochi giorni assemblare tutte le sequenze. Bisogna anche ricordare come l’università di Verona, con l’istituzione del Centro piattaforme tecnologiche, abbia investito molto nella strumentazione scientifica che consente una ricerca di alto livello.

Il programma.
Dalle 14 Antonella Furini, presidente della Scuola di Scienze e ingegneria, porgerà i saluti istituzionali e presenterà i percorsi di formazione in Biotecnologie dell’università di Verona. Seguiranno gli interventi di vari esperti del settore, che contribuiranno a fornire una visione a tutto tondo del mondo delle biotecnologie.
Dietelmo Pievani, filosofo della scienza all’università di Padova, con un approccio meno scientifico ma altrettanto significativo, presenterà le sfide per il futuro nella lettura e riscrittura del Dna; Giovanni Maga, biotecnologo dell’Istituto di genetica molecolare di Pavia che opera nel campo dei vaccini, illustrerà le principali tappe che hanno segnato la storia delle biotecnologie. Infine Danilo Porro, docente all’università di Milano Bicocca che
lavora nel settore della chimica verde e delle biotecnologie innovative, focalizzerà il suo contributo sull’importanza delle biotecnologie nell’economia circolare.
L’incontro proseguirà con una tavola rotonda che vedrà protagonisti Davide Ederle, ex studente di ateneo ora presidente dell’Associazione nazionale biotecnologi italiani, Rita Fucci, coordinatrice tecnico scientifica di Assobiotec, associazione nazionale per lo sviluppo delle biotecnologie, che stimoleranno la discussione fra società e studenti spiegando loro quali sono le principali tematiche affrontate nel lavoro e il giornalista Domenico
Lanzillotta, direttore responsabile di Veneto economia e Alto Adige innovazione.

Biotecnologie a Verona. In 25 anni a Verona si sono laureati oltre 1400 studenti. A oggi l’offerta formativa magistrale include, oltre allo storico corso di laurea in biotecnologie agro-alimentari e uno interamente in inglese in biotecnologie medico- molecolari, anche quello in biotecnologie per le biorisorse e lo sviluppo ecosostenibile.

Comments are closed.