IMPRESE – Inail: dal 28 settembre comunicazioni online

LAVORO – Formazione: al via i nuovi master di...

20 settembre 2012 Comments (0) News

FISCO – Provvedimenti: una panoramica sugli ultimi (Il Sole 24 Ore)

Una sintesi degli ultimi provvedimenti di fisco tratta da Il Sole 24 Ore che segnala: Comunicazione dei beni ai soci, slitta al 31 marzo – Studi di settore non presentati, la rettifica passa per l’integrativa – Bonus assunzioni nel Mezzogiorno – Autovetture acquistate nella Ue da societa che hanno detratto l’Iva – Comunicazione dei beni ai soci, slitta al 31 marzo 2013.

Il termine per la trasmissione all’Anagrafe Tributaria dei dati relativi ai beni dell’impresa concessi in godimento a soci o familiari e prorogato al 31 marzo 2013. Lo slittamento e previsto dal provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle entrate che dispone un piu ampio termine per la prima comunicazione dei dati, fissato al 15 ottobre 2012, tenuto conto delle particolari difficolta di attuazione e della assoluta novita della misura.
(Agenzia delle entrate, provvedimento 17 settembre 2012

Studi di settore non presentati, la rettifica passa per l’integrativa

L’Agenzia delle entrate fornisce chiarimenti sui dubbi dei contribuenti che hanno ricevuto nei mesi scorsi degli inviti a presentare i modelli per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini degli studi di settore a seguito delle modifiche alle sanzioni per l’omessa presentazione.
Tra i piu rilevanti segnaliamo: i contribuenti che iniziano e chiudono un’attivita nello stesso anno, non soggetti agli studi di settore, sono tenuti a inserire in dichiarazione solo la causa di esclusione relativa all’inizio dell’attivita (codice 1) e a presentare, se previsto, il modello INE (Indicatori di normalita economica); l’Agenzia delle entrate, in generale, non puo mai rettificare autonomamente la dichiarazione del contribuente, che deve sempre presentare un’integrativa.
(FAQ sul sito www.agenziaentrate.it)

Bonus assunzioni nel Mezzogiorno

Un provvedimento, dando attuazione a quanto previsto dal D.L. 70/2011, detta le regole per le imprese del Mezzogiorno. Il credito d’imposta a favore delle imprese che creano nuovo lavoro stabile nel Mezzogiorno, puo essere usato, solo in compensazione, esclusivamente presentando il modello F24 all’agente della riscossione presso cui il beneficiario dell’agevolazione, ossia il datore di lavoro, e intestatario del conto fiscale. Cio per consentire il controllo preventivo delle compensazioni ed evitare cosi eventuali abusi. Lo stesso provvedimento stabilisce che ciascuna Regione, dopo aver formulato la graduatoria definitiva, trasmette all’Agenzia l’elenco dei soggetti ammessi a fruire del credito d’imposta, che sara utilizzabile subito dopo la comunicazione da parte della Regione dell’accoglimento dell’istanza. I codici da indicare in F24 sono stati istituiti dalle Entrate con apposita risoluzione.
(Agenzia delle entrate, provvedimento del direttore del 14 settembre 2012; Agenzia delle entrate, ris. n. 88/E, 17 settembre 2012)

Autovetture acquistate nella Ue da societa che hanno detratto l’Iva

In tema di IVA, il regime del margine presuppone la mancata detrazione dell’IVA all’acquisto da parte del cedente, condizione la cui assenza (o il difetto della prova da parte del cessionario della sua sussistenza) comporta l’inapplicabilita del regime “de quo”, indipendentemente dalla consapevolezza che di essa abbia avuto il cessionario, potendo eventualmente tale difetto di consapevolezza incidere solo sull’aspetto sanzionatorio. Inoltre, va rilevato che il regime del margine non e applicabile alle vendite di autoveicoli usati, effettuate da societa di leasing o di autonoleggio, che li abbiano acquistati nuovi, dovendosi presumere, in base a normali criteri di economicita che in tali casi l’IVA sia stata detratta, trattandosi di beni utilizzati per l’esercizio dell’impresa, sicche non ricorre la condizione di applicabilita del predetto regime, consistente nella mancata detrazione dell’IVA sull’acquisto da parte del cedente, come nella specie. Pertanto qualora si tratti di autoveicoli usati, acquistati originariamente da societa estere per attivita d’impresa, le quali poi sono stati cedute a ditte nazionali che a loro volta li cedevano ad altre societa nazionali, poiche i veicoli hanno scontato l’IVA nei paesi comunitari, e tale imposta fruiva di detrazione trattandosi di beni aziendali, tale presupposto impedisce l’applicabilita del regime agevolato del sistema del margine, pena la parziale evasione d’imposta.
(Cassazione, sentenza n. 14899, 5 settembre 2012)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.