STABILITA’ – Giustizia: estensione del contributo unificato

SICUREZZA – Lavoro: la normativa si applica anche agli...

18 ottobre 2012 Comments (0) News

FISCO – Provvedimenti: sintesi degli ultimi (Il Sole 24 Ore)

Una sintesi degli ultimi provvedimenti di fisco tratta da Il Sole 24 Ore che segnala: L’IVA per cassa parte dal 1° dicembre 2012 – Comunicazione delle operazioni rilevanti IVA -Redditometro dal 1° gennaio 2013 – Check online per le partite IVA – Furto dei beni da autore non identificato e rettifica della detrazione.

L’IVA per cassa parte dal 1° dicembre 2012
Nel regime dell’IVA per cassa l’imposta va liquidata soltanto quando il soggetto incassa effettivamente l’imponibile, secondo quanto previsto dal DL 83/2012. L’art. 8 del decreto ministeriale del 16 ottobre prevede la decorrenza di tale regime dal 1° dicembre 2012: si tratta quindi delle fatture immediate emesse nel mese di dicembre e quelle differite relative alle consegne poste in essere dallo stesso mese che devono essere ricomprese nella liquidazione del mese di dicembre. Il primo appuntamento operativo e quindi per il 16 gennaio 2013, con la liquidazione mensile del mese di dicembre.
(Ministro dell’Economia e delle finanze, provvedimento del 16 ottobre 2012, in corso di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale)


Comunicazione delle operazioni rilevanti IVA

Scade il 31 gennaio 2013 (e non il 15 ottobre 2012) il termine per la comunicazione, da parte degli operatori finanziari, dei dati delle operazioni rilevanti ai fini IVA, di importo non inferiore a 3.600 euro, relative al periodo 6 luglio – 31 dicembre 2011, in cui l’acquirente e un consumatore finale che ha pagato con carta di credito, di debito o prepagata. Lo slittamento nasce dall’esigenza di mettere a punto gli accorgimenti tecnici necessari, fornendo piu tempo agli operatori finanziari.
(Agenzia delle entrate, provvedimento del 12 ottobre 2012)

Redditometro dal 1° gennaio 2013
Il nuovo redditometro sara pronto a fine mese per entrare in vigore il 1° gennaio 2013. E quanto dichiarato dal direttore generale dell’Agenzia delle entrate, Attilio Befera, che e intervenuto a un convegno organizzato dall’Ordine dei dottori commercialisti. Il redditometro valutera la capacita di spesa degli italiani per risalire al reddito.

Check online per le partite IVA
L’Agenzia delle entrate ha messo a disposizione un nuovo servizio con il quale e possibile verificare, in modo facile e immediato, lo stato di attivita di una partita IVA e conoscere i dati identificativi del soggetto titolare direttamente nella sezione “servizi online” del sito internet dell’Agenzia. Il nuovo servizio, a libero accesso per tutti i contribuenti, si va ad aggiungere a quelli gia disponibili per il controllo delle partite IVA comunitarie Vies (Vat Information exchange system) e per la verifica del codice fiscale. Ciascun contribuente, quindi, puo verificare l’esistenza e la correttezza di tutte le partite IVA nazionali attraverso una semplice operazione. L’intento e quello di ridurre le frodi e facilitare le operazioni in ambito commerciale. Sulla pagina “Verifica della Partita IVA”, occorre inserire il numero identificativo della partita IVA che si intende verificare e premere il pulsante “Invia”. Nel caso in cui questa sia correttamente registrata nell’Anagrafe Tributaria apparira un messaggio di risposta che riporta: lo stato della partita IVA – attiva, sospesa o cessata; la denominazione o il cognome e nome del soggetto titolare; la data di inizio attivita; le eventuali date di sospensione e cessazione.
(in www.agenziaentrate.it)

Furto dei beni da autore non identificato e rettifica della detrazione
L’articolo 185, paragrafo 2, della direttiva 2006/112/CE del Consiglio, del 28 novembre 2006, deve essere interpretato nel senso che non osta a disposizioni tributarie nazionali che esigono, all’atto della constatazione dell’assenza di beni soggetti all’imposta sul valore aggiunto, la rettifica della detrazione dell’imposta operata a monte al momento dell’acquisto dei beni medesimi, qualora il contribuente sia stato vittima di un furto dei beni stessi il cui autore non sia stato identificato.
(Corte di giustizia C-550/11, 4.10.12)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.