IMPRESE-Sud: grazie a incentivi 488/92 vivono di più

EDILIZIA-Ristrutturazioni: più semplice detrarre il 36%

1 giugno 2011 Comments (0) Approfondimenti

FISCO-Bonus 55%: detrazioni in 10 anni dall’Unico 2012

Ancora per quest’anno le detrazioni saranno suddivise in 5 anni fiscali per tutti i soggetti Ires che anche quest’anno saranno abilitati a recuperare il bonus del 55% relativamente ai costi sostenuti per interventi di riqualificazione energetica sui loro immobili attraverso una capitalizzazione in cinque rate annuali di pari importo. Cambia invece la modalita di attivazione a partire dal 2012. L’Unico del prossimo anno prevedra difatti la distribuzione in dieci anni del bonus.

Per quanto riguarda l’agevolazione essa potra essere utilizzata dai titolari di reddito d’impresa solo per gli interventi eseguiti su fabbricati strumentali utilizzati nell’esercizio della propria attivita imprenditoriale. Sussiste il requisito della strumentalita quando tali immobili hanno come destinazione d’uso unica attivita tipicamente imprenditoriali, offero non sono suscettibili di creare un reddito autonomo ma sono inseriti nel compresso aziendale.

Sono suddivisibili in 4 categorie gli interventi agevolati:
Prima categoria: interventi di riqualificazione energetica “globale” di edifici esistenti. Per tali immobili la detrazione massima prevista e di 100mila euro. Gli interventi devono evidenziare un indice di prestazione energetica relativa alla climatizzazione invernale inferiore di almeno il 20% rispetto ai valori riportati nell’allegato C del DM 19-2-2007
Seconda categoria: interventi sull’involucro degli edifici, riguardanti le strutture opache orizzontali e verticali (dunque coperture e pavimenti) e le finestre, compresi i relativi infissi. Per tale intervento la detrazione massima prevista e di 60mila euro.
Terza categoria: installazione di pannelli solari dedicati alla produzione di acqua calda ad uso domestico o industriale; gli interventi devono essere orientati alla copertura del fabbisogno di acqua calda ad esempio in strutture sportive, piscine, istituti scolastici ed universita, case di ricovero e cura e piu in generale tutte le strutture e servizi in cui e richiestala produzione di acqua calda. In questo caso la detrazione fiscale massima prevista e anche in questo caso di 60mila euro.
Quarta categoria: interventi per la sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di caldaie a condensazione e per la relativa messa a punto del sistema di distribuzione. La detrazione massima di questo tipo di intervento e di 30mila euro.

Come precisato dall’Agenzia delle Entrate l’obbligo di effettuare il pagamento mediante bonifico e espressamente escluso per i soggetti esercenti attivita di impresa, perche il momento effettivo del pagamento della spesa non assume rilevanza per la determinazione di tale tipologia di reddito. Difatti ai fini del reddito d’impresa, il momento di imputazione dei costi si verifica alla data in cui sono ultimate le prestazioni e, per i beni mobili, alla data di consegna o spedizione, salvo che sia diversa e successiva la data in cui si verifica l’effetto traslativo.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.