LAVORO-Riforma: nuova disciplina del contratto a termine

LAVORO-Riforma: come cambia il lavoro a progetto

16 aprile 2012 Comments (0) Approfondimenti

FISCO-Equitalia: ipoteche annullabili debito -8mila euro

Ipoteca ed espropriazione viaggiano di pari passo. Non puo iscriversi il vincolo se il credito erariale non e realizzabile con la vendita forzata perche la somma dovuta e inferiore alla soglia minima degli 8mila euro stabilita dalla legge. Le sezioni unite della Cassazione, sentenza n.5771/2012, nel respingere il ricorso di Equitalia, hanno sciolto a favore del contribuente una vecchia disputa giurisprudenziale.

Intanto, il Dl sulle semplificazioni fiscali (16/2012), ora all’esame del Parlamento per la conversione, ha elevato a 20mila euro il limite per l’espropriazione (allineandovi quello per l’ipoteca), anche a seguito dei numerosi fatti di cronaca che hanno evidenziato l’apposizione di ipoteca e il successivo esproprio degli immobili a partire da semplici contravvenzioni stradali.

Il mancato versamento dei contributi
La vicenda che ha portato al rigetto del ricorso di Equitalia – che aveva gia perso nei primi due gradi di giudizio – origina da una iscrizione ipotecaria su due terreni di proprieta di una Srl, in provincia di Catanzaro. La societa non aveva pagato una cartella esattoriale di 2.028 euro emessa a seguito del mancato versamento dei contributi dovuti per opere irrigue realizzate dal Consorzio di bonifica.

No all’ipoteca sotto gli ottomila euro
Bocciato il filone interpretativo secondo cui l’ipoteca “assolvendo anche ad una autonoma funzione anticipatoria e cautelativa, poteva essere iscritta pure per crediti che non avrebbero autorizzato il concessionario a procedere ad espropriazione forzata”, dunque anche sotto gli 8mila euro, come in questo caso.

La tesi abbracciata dalle Sezioni unite escludeva invece che l’iscrizione potesse essere fatta per importi inferiori alla soglia minima per la quale l’agente della riscossione e autorizzato ad espropriare l’immobile. Infatti, osserva la Corte, cosi come il fermo anche l’ipoteca costituisce “un atto preordinato all’espropriazione, per cui doveva necessariamente soggiacere agli stessi limiti per questa stabiliti” dall’articolo 76 del Dl 602/1973.

La tesi di Equitalia
A nulla e valso l’argomento di Equitalia per cui deporrebbe in senso opposto (oltre a due circolari dell’Agenzia delle Entrate ed una interrogazione parlamentare) il fatto che nel 2010 un decreto (il 40/2010 poi convertito in legge 73/2010) aveva vietato di iscrivere ipoteca sotto gli ottomila euro ma solo a decorre dall’entrata in vigore della legge di conversione. Per i giudici di Piazza Cavour una simile disposizione non autorizza a ritenere che per il periodo pregresso non esistesse alcun limite.

Infatti, cio che conta “non e l’intenzione del legislatore (cassazione 2454/1983) o la lettura fattene da ministeri o altri enti, ma la volonta oggettiva della legge (Cass. 3550/1988) quale risultante dal suo dato letterale”, e questo nel caso di specie depone “nel senso della non iscrivibilita dell’ipoteca per crediti non realizzabili a mezzo di espropriazione immobiliare”. (Fonte: Il Sole 24 Ore – Guid al diritto)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.