LAVORO – Direttori marketing e direttori comunicazione: gli stipendi...

CODICE DELLA STRADA – Omicidio stradale: Nencini, abbiamo...

17 luglio 2014 Comments (1) News

FISCO – Crediti verso la PA e istituti deflattivi: ampliati, con il DL n. 66/2014 convertito, i casi di applicazione

Fra le numerose novita introdotte dal DL n. 66 del 24.04.2014 si segnala la disposizione contenuta nell’articolo 39 relativamente alla compensazione dei crediti verso la pubblica amministrazione con le somme dovute per effetto dell’applicazione degli istituti deflattivi del contenzioso tributario.

Secondo quanto stabilito dal DL n. 66/2014 convertito, i contribuenti potranno utilizzare i crediti, certificati tramite l’apposita procedura, per compensare le somme dovute per effetto dell’applicazione, ad esempio, dell’istituto dell’accertamento con adesione. La previsione di tale facolta, introdotta inizialmente con il DL n. 35/2013, e stata ampliata, per effetto dell’ultima modifica normativa, a tutti i crediti verso la pubblica amministrazione, attraverso: i) la eliminazione del riferimento ai crediti maturati entro il 31.12.2012; ii) l’ampliamento delle amministrazioni in riferimento alle quali e possibile procedere alla compensazione dei crediti. Si segnalano, tra le altre cose, la pubblicazione con il provvedimento 31.01.2014 dell’Agenzia delle Entrate, del modello F24 Crediti P.AA che deve essere utilizzato per il pagamento delle somme dovute in applicazione degli istituti definitori della pretesa tributaria e deflativi del contenzioso, nonche l’istituzione, tramite la risoluzione dell’Agenzia delle Entrate n. 16/E/2014, di un codice tributo per effettuare la compensazione.

(Fonte: La Lente sul fisco – Memory n. 201 del 17.07.2014 a cura di Riccardo Malvestiti)

    Lascia una risposta

    L'indirizzo email non verrà pubblicato.