PMI-Capitale di rischio: nuovo mercato alternativo

LAVORO-Fatture false: 2 volte punibile chi emette e registra

29 maggio 2012 Comments (0) Approfondimenti

FISCO-Controlli sui 730 del 2010: documenti entro 30 giugno

Si dovra rispondere entro il 30 giugno alle lettere inviate ad aprile dall’Agenzia delle entrate. L’amministrazione finanziaria ha chiesto la documentazione a supporto dei bonus fiscali sfruttati nel modello 730/2010, e relativo al periodo d’imposta 2009.

Richieste “mirate” che chiedono, di fatto, di provare la fondatezza delle deduzioni e delle detrazioni.

Tanto per intenderci, si va dalle ricevute e dagli scontrini per le spese mediche sostenute agli interventi domestici di ristrutturazione (spese che accedono al 36%) o di riqualificazione energetica (per il 55%). Controlli di routine che vengono effettuati ogni anno ma che comunque hanno messo molta apprensione (a maggior ragione in un periodo di rapporti non proprio semplici tra fisco e contribuenti), anche perche molto spesso la documentazione richiesta non e cosi facilmente reperibile.

Le lettere

Le comunicazioni inviate dall’agenzia delle Entrate portano la data del 19 aprile scorso. Le lettere invitavano a presentare la documentazione richiesta entro 30 giorni dalla data di ricezione. L’agenzia delle Entrate era gia intervenuta con un chiarimento lo scorso 15 maggio in cui aveva precisato che «si tratta dei consueti controlli sugli oneri dedotti e sulle detrazioni di imposta che riguardano circa il 4% delle dichiarazioni delle persone fisiche». Applicando brutalmente la percentuale solo ai contribuenti che hanno presentato il 730 nel 2010 (in tutto 10,6 milioni), si tratta di poco piu di 420mila controlli. Inoltre sempre l’Agenzia aveva sottolineato che «questa attivita

di riscontro, assolutamente di routine, e eseguita per norma entro il secondo anno successivo alla presentazione della dichiarazione». E, proprio in riferimento al termine “originario” dei 30 giorni dalla ricezione, «a quest’ultimo riguardo non sono richieste particolari formalita di prova». Ora pero viene fissato il termine del 30 giugno come deadline per inviare la documentazione.

Le conseguenze

Che cosa potrebbe succedere se i contribuenti interessati non inviassero la documentazione o se non fosse adeguata? Il rischio e che possa essere ripresa a tassazione, in tutto o in parte, la somma portata in deduzione o in detrazione a cui tra l’altro si aggiungerebbero anche le sanzioni.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.